Il Cerano , Protagonista Del Seicento Lombardo 1573 - 1632 - Rosci Marco (Curatore) | Libro Motta Federico 03/2005 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

rosci marco (curatore) - il cerano , protagonista del seicento lombardo 1573 - 1632

IL CERANO , PROTAGONISTA DEL SEICENTO LOMBARDO 1573 - 1632 MILANO, PALAZZO REALE, 24 FEBBRAIO - 5 GIUGNO 2005




Disponibilità: Normalmente disponibile in 10 giorni


PREZZO
50,00 €
NICEPRICE
47,50 €
SCONTO
5%



Questo prodotto usufruisce delle SPEDIZIONI GRATIS
selezionando l'opzione Corriere Veloce in fase di ordine.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Spese Gratis

Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Pubblicazione: 03/2005





Note Libraio

Brossura con alette, in cofanetto; 100 ill. colori e 60 b/n. Il volume è il risultato di un ampio lavoro di studio e di ricerca che ha permesso di mettere maggiormente a fuoco alcuni momenti fondamentali del corpus iconografico di Giovan Battista Crespi detto il Cerano: il pittore che, dal 1600 e per trent’anni assunse il ruolo di capofila nella Milano di Federico Borromeo segnando l’avvio della felice stagione del Seicento lombardo e che emerge come uno dei protagonisti della rivoluzionaria trasformazione concettuale e formale della pala sacra del mondo cattolico a seguito del Concilio di Trento.
Solo oggi vengono risolte alcune questioni nodali relative alla vita dell’artista grazie alle ricerche di Marina dell’Omo nei registri parrocchiali di Romagnano Sesia: la sua data di nascita, che risale al 23 dicembre 1573 e il nome della madre, Camilla.
Un saggio di Cristina Geddo su nuovi documenti che testimoniano la presenza del padre Raffaele a Cerano negli anni dal 1590 fa luce sul periodo giovanile dell’artista e sulla sua scelta di adottare e ostentare il soprannome dal luogo della sua giovinezza e del suo presumibile esordio.
Il saggio di Filippo Ferro approfondisce l’eredità testoriana del "pestante" con i due cicli della Vita e dei Miracoli di San Carlo e il trionfo cattolico della Beatificazione come fenomeno collettivo, mentre gli studi di Bober rivelano gli aspetti inediti della vasta cultura formale e iconica del pittore nel suo tempo attraverso la documentazione sugli echi nel Cerano dell’incisione transalpina.
Altri saggi esaminano la fortuna storica e critica nel tempo,da quello della Coppa sulle vicende positive e negative sulle entrate e uscite da Brera dopo le soppressioni a quello di Contini sull’alto apprezzamento del Cerano negli studi tedeschi nel XX secolo fra le due guerre legato a sue presenze con opere fondamentali nei musei tedeschi. Un contributo infine di grande novità e chiarificazione nel contesto dell’arte milanese e lombarda coeva è offerto da Federico Cavalieri con il suo sagBrossura con alette, in cofanetto; 100 ill. colori e 60 b/n. Il volume è il risultato di un ampio lavoro di studio e di ricerca che ha permesso di mettere maggiormente a fuoco alcuni momenti fondamentali del corpus iconografico di Giovan Battista Crespi detto il Cerano: il pittore che, dal 1600 e per trent’anni assunse il ruolo di capofila nella Milano di Federico Borromeo segnando l’avvio della felice stagione del Seicento lombardo e che emerge come uno dei protagonisti della rivoluzionaria trasformazione concettuale e formale della pala sacra del mondo cattolico a seguito del Concilio di Trento.
Solo oggi vengono risolte alcune questioni nodali relative alla vita dell’artista grazie alle ricerche di Marina dell’Omo nei registri parrocchiali di Romagnano Sesia: la sua data di nascita, che risale al 23 dicembre 1573 e il nome della madre, Camilla.
Un saggio di Cristina Geddo su nuovi documenti che testimoniano la presenza del padre Raffaele a Cerano negli anni dal 1590 fa luce sul periodo giovanile dell’artista e sulla sua scelta di adottare e ostentare il soprannome dal luogo della sua giovinezza e del suo presumibile esordio.
Il saggio di Filippo Ferro approfondisce l’eredità testoriana del "pestante" con i due cicli della Vita e dei Miracoli di San Carlo e il trionfo cattolico della Beatificazione come fenomeno collettivo, mentre gli studi di Bober rivelano gli aspetti inediti della vasta cultura formale e iconica del pittore nel suo tempo attraverso la documentazione sugli echi nel Cerano dell’incisione transalpina.
Altri saggi esaminano la fortuna storica e critica nel tempo,da quello della Coppa sulle vicende positive e negative sulle entrate e uscite da Brera dopo le soppressioni a quello di Contini sull’alto apprezzamento del Cerano negli studi tedeschi nel XX secolo fra le due guerre legato a sue presenze con opere fondamentali nei musei tedeschi. Un contributo infine di grande novità e chiarificazione nel contesto dell’arte milanese e lombarda coeva è offerto da Federico Cavalieri con il suo sagBrossura con alette, in cofanetto; 100 ill. colori e 60 b/n. Il volume è il risultato di un ampio lavoro di studio e di ricerca che ha permesso di mettere maggiormente a fuoco alcuni momenti fondamentali del corpus iconografico di Giovan Battista Crespi detto il Cerano: il pittore che, dal 1600 e per trent’anni assunse il ruolo di capofila nella Milano di Federico Borromeo segnando l’avvio della felice stagione del Seicento lombardo e che emerge come uno dei protagonisti della rivoluzionaria trasformazione concettuale e formale della pala sacra del mondo cattolico a seguito del Concilio di Trento.
Solo oggi vengono risolte alcune questioni nodali relative alla vita dell’artista grazie alle ricerche di Marina dell’Omo nei registri parrocchiali di Romagnano Sesia: la sua data di nascita, che risale al 23 dicembre 1573 e il nome della madre, Camilla.
Un saggio di Cristina Geddo su nuovi documenti che testimoniano la presenza del padre Raffaele a Cerano negli anni dal 1590 fa luce sul periodo giovanile dell’artista e sulla sua scelta di adottare e ostentare il soprannome dal luogo della sua giovinezza e del suo presumibile esordio.
Il saggio di Filippo Ferro approfondisce l’eredità testoriana del "pestante" con i due cicli della Vita e dei Miracoli di San Carlo e il trionfo cattolico della Beatificazione come fenomeno collettivo, mentre gli studi di Bober rivelano gli aspetti inediti della vasta cultura formale e iconica del pittore nel suo tempo attraverso la documentazione sugli echi nel Cerano dell’incisione transalpina.
Altri saggi esaminano la fortuna storica e critica nel tempo,da quello della Coppa sulle vicende positive e negative sulle entrate e uscite da Brera dopo le soppressioni a quello di Contini sull’alto apprezzamento del Cerano negli studi tedeschi nel XX secolo fra le due guerre legato a sue presenze con opere fondamentali nei musei tedeschi. Un contributo infine di grande novità e chiarificazione nel contesto dell’arte milanese e lombarda coeva è offerto da Federico Cavalieri con il suo sag







Altre Informazioni

ISBN:

9788871794747

Condizione: Nuovo
Collana: CATALOGHI DI MOSTRA
Pagine Arabe: 288






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X