Wildt. L'anima E Le Forme Tra Michelangelo E Klimt - Mazzocca F. (Curatore); Mola P. (Curatore) | Libro Silvana 02/2012 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

mazzocca f. (curatore); mola p. (curatore) - wildt. l'anima e le forme tra michelangelo e klimt

WILDT. L'ANIMA E LE FORME TRA MICHELANGELO E KLIMT Forli, Musei San Domenico, 28 gennaio - 17 giugno 2012

;




Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


PREZZO
34,00 €
NICEPRICE
32,30 €
SCONTO
5%



Questo prodotto usufruisce delle SPEDIZIONI GRATIS
selezionando l'opzione Corriere Veloce in fase di ordine.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Spese Gratis

Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Silvana

Pubblicazione: 02/2012





Trama

Inquieto, eccessivo, Adolfo Wildt (Milano, 1868-1931) è il fastoso crepuscolo della scultura, se per scultura s'intende l'antica opera sul sasso, il colpo, e la pazienza della levigatura. Coltissimo e estremo anche nel virtuosismo, è l'ultimo maestro, con quel tanto di artigiano, di umile mestiere che sta nella parola, ma anche di alto e reverente. All'arte del marmo ha dedicato l'ultimo trattato e l'ultima scuola, dove accanto ai corsi d'accademia dava per prima cosa da scolpire un uovo, nocciolo di una forma esatta trasformata in senso, e stranamente analogo, anche nell'umile ripetizione dell'esercizio, a quell'"Inizio del Mondo" con cui il genio arcaico di Brancusi, cancellando in un gesto ogni storia e ogni stile, inaugurava a Parigi l'alba di un'arte nuova. Wildt, invece, a Milano salvava tutto: stile e storia, simboli e letteratura, dei, eroi, santi, celebrazione e monumento. Estraneo al mondo delle avanguardie e altrettanto a disagio nel conformismo artistico del primo Novecento, Wildt corrispose a fatica col suo tempo e quasi nulla con quelli successivi, ma è forse proprio in questo solitario anacronismo il salto che lo collega al nostro tempo: in questo suo essere tutto e senza luogo, classico e gotico, manierista e barocco, frammentario e giustapposto come le fotografie dei monumenti antichi che Aby Warburg, nella biblioteca di Amburgo, accostava allora su quelle tavole dove andava fondando un altro senso dell'arte e della storia.




Note Libraio

Adolfo Wildt (Milano, 1868-1931) è il genio dimenticato del Novecento italiano.
Per lungo tempo, nonostante i riconoscimenti e la fama raggiunti in vita - gli fu assegnata per chiari meriti la cattedra di scultura nella prestigiosa Accademia di Brera a Milano e fu nominato Accademico d'Italia - il suo apprezzamento da parte della critica è rimasto controverso. Solo ora si torna finalmente a considerarlo tra i massimi scultori del Novecento.
Estraneo al mondo delle avanguardie e anticonformista, capace di fondere nella sua arte classico e anticlassico, fu criticato sia dai conservatori - che non apprezzavano i contenuti ancora pervasi dal Simbolismo e le scelte formali caratterizzate da richiami gotici ed espressionisti - sia dai sostenitori del moderno, che mettevano in discussione la sua fedeltà alla figura, la vocazione monumentale, il continuo dialogo con i grandi artisti del passato e la sua predilizione per il marmo.
Questi aspetti, uniti all'incredibile eccellenza tecnica, esercitano oggi su di noi un fascino nuovo che la grande mostra documentata in questo catalogo può finalmente restituire. Sono per la prima volta radunati insieme una serie di straordinari capolavori di Wildt che ricostruiscono il percorso completo della sua produzione sia scultorea sia grafica. Le opere sono messe in relazione con quelle degli artisti - pittori e scultori - del passato e sia con i moderni con cui si è intensamente e originalmente confrontato. Il volume si qualifica come un'opera editoriale completa e aggiornata, imprescindibile riferimento per chi desidera conoscere e approfondire la bellezza essenziale e inquietante delle sculture di Wildt.







Altre Informazioni

ISBN:

9788836622559

Condizione: Nuovo
Collana: CATALOGHI DI MOSTRE
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 384






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X