Turbolenza - Szalay David | Libro Adelphi 09/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

szalay david - turbolenza

TURBOLENZA




Disponibilità: solo 3 copie disponibili, affrettati!

Se ordini entro 9 ore e 50 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
15,00 €
NICEPRICE
14,25 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Adelphi

Pubblicazione: 09/2019





Trama

Secondo studi recenti, una conseguenza imprevista del riscaldamento globale sarebbero turbolenze molto più frequenti rispetto al passato, e soprattutto imprevedibili. Nel mondo fisico può essere vero oppure no, ma in questo romanzo di David Szalay le vite dei dodici personaggi che da un capitolo all'altro - sfiorandosi alla security, scambiando una parola in un terminal - si passano il testimone non sanno davvero cosa potrà succedere, fra il terminal delle partenze e quello degli arrivi, né che esito avrà il loro disperato tentativo di fuga. E se i maschi di «Tutto quello che è un uomo» avevano ancora un continente di terra e acqua in cui tentare di mimetizzarsi, sfuggendo alle proprie catastrofi interiori, gli uomini e le donne di «Turbolenza» vivono in aria, fra un continente e l'altro - come, sempre più spesso, molti di noi. E, come molti di noi, sanno che dall'aria non si può sperare di proteggersi: nell'aria, soprattutto, non si può sperare di nascondersi.




Recensione Libraio

“Ciò che odiava anche della turbolenza più lieve era il modo in cui poneva fine all’illusione di sicurezza, il modo in cui rendeva impossibile fingere di trovarsi in un luogo protetto”.
La turbolenza in volo toglie ogni certezza, si fa sospensione, e poi paura, e poi sorpresa di averla scampata. È insicurezza e instabilità totale, inquietudine che, una volta passata, fa guardare intorno a sé con occhi nuovi, in una normalità ritrovata più limpida. C’è una dimensione istintiva nella paura di volare, che mette l’uomo da solo di fronte alla sua impotenza.
I voli che sono all’origine dei dodici racconti di Turbolenza di David Szalay sono descritti solo come tratte, momenti di transito, da un codice aeroportuale all’altro: sono Uber e taxi, sono drink prima del decollo, sono sguardi dall’alto, vassoi del pranzo, Coca-Cola rovesciate, incontri e momenti di solitudine assoluta. In una sorta di staffetta in cui il protagonista del primo racconto passa la mano a quello del secondo, Szalay profila un viaggio attorno al mondo che da Londra porta a Madrid, a Dakar, a San Paolo, a Toronto, a Seattle, a Hong Kong, a Saigon, a Bangkok, a Delhi, a Kochi, a Doha, a Budapest, per poi tornare a Londra. Un viaggio circolare, uno scalo dopo l’altro, nel quale il mondo risulta fatto di innumerevoli punti, sempre più vicini, sempre più facili da raggiungere mentre le persone sembrano allontanarsi, scoprendo distanze profonde tra le loro esistenze.
Il viaggio è una condizione provvisoria, che si è costretti a vivere in totale assenza di controllo, in un necessario abbandono: è la metafora della vita, senza punti fermi se non la partenza e l’arrivo. In mezzo si vive, sballottati dalle turbolenze: dalla paura della malattia, dell’abbandono, della morte, dal contatto con altri esseri umani, che non si arriva mai pienamente a conoscere.
I racconti sono rapidi, asciutti baleni che illuminano per un attimo un frammento della vita del personaggio, e poi si spengono, lasciando un disagio che è fatto di normalità e di storie comuni. Si cerca un equilibrio nella turbolenza, aggrappandosi alla speranza di una guarigione, di un amore solido che sappia aspettare, di una famiglia, fragilissima, come lo è l’uomo, abitante precario dell’aria e della terra. Un romanzo minimal nella fattura, che dall’apparente semplicità narrativa fa scaturire una riflessione attenta e spinge a interrogarci su noi stessi con grande efficacia.
Viaggiatori nei terminal così come nella vita, con la frenesia di fare in tempo e la stanchezza del viaggio, l’ansia di trovare tutto a posto al proprio arrivo, e la consapevolezza del proprio essere senza riparo: i personaggi di Turbolenza siamo noi. Ormai presuntuosi padroni del mondo, rimaniamo essere piccoli e spaventati, incapace di proteggerci, inevitabilmente mortali.
“E all’improvviso ecco di nuovo la voce del pilota che con terrificante serietà diceva: Assistenti di volo, ai vostri posti”.

Recensione di Francesca Cingoli






Altre Informazioni

ISBN:

9788845934070

Condizione: Nuovo
Collana: FABULA
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 128
Traduttore: Rusconi A.






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X