Manifesti Ferroviari. Ediz. Illustrata - Favre Thierry | Poster Jaca Book 09/2011 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

favre thierry - manifesti ferroviari. ediz. illustrata

MANIFESTI FERROVIARI. EDIZ. ILLUSTRATA




Disponibilità: Non disponibile o esaurito presso l'editore


PREZZO
75,00 €



Questo prodotto usufruisce delle SPEDIZIONI GRATIS
selezionando l'opzione Corriere Veloce in fase di ordine.


Facebook Twitter Aggiungi commento


Spese Gratis

Dettagli

Genere:Poster
Lingua: Italiano
Editore:

Jaca Book

Pubblicazione: 09/2011





Trama

Nel corso degli anni Cinquanta dell'Ottocento, la ferrovia non ha affatto bisogno di manifesti: il treno è destinato alle merci e il trasporto dei passeggeri è limitato a una scala locale. Si aprirà progressivamente ai viaggiatori a partire dal 1895: da allora, tramite la pubblicità, le compagnie ferroviarie cercheranno di spingere al viaggio fasce sempre più ampie di pubblico. Verso la fine del XIX secolo le compagnie ferroviarie utilizzeranno dunque largamente i manifesti pubblicitari nei luoghi più frequentati delle nuove stazioni più o meno monumentali che cominciavano ad apparire nelle grandi metropoli. Prima del 1914, seppure carenti di possibilità finanziarie, le compagnie ferroviarie chiameranno artisti già noti al pubblico per manifesti che celebrano gli esordi dell'aviazione o che pubblicizzano velocipedi, prodotti alimentari, aperitivi. Dopo la Seconda Guerra Mondiale pittori e grafici famosi come Dalí, Mathieu, Brenet, Savignac e il suo collega Villemot fanno onore al loro datore di lavoro, la SNCF (Société Nationale des Chemins de Fer Français, la società ferroviaria nazionale). Tra il 1956 e il 1963 la compagnia nazionale francese commissiona 28 manifesti a diversi artisti noti col nome di "pittori testimoni del loro tempo", che espongono in quel periodo alla Galleria Charpentier a Parigi. Negli anni Settanta la SNCF commissiona lavori ad altri artisti ben noti come Jacquelin e Luc-Marie Bayle, decano dei pittori della Marina dall'eclettico talento.




Note Libraio

Nel corso degli anni Cinquanta dell’Ottocento, la ferrovia non ha affatto bisogno di manifesti: il treno è destinato alle merci e il trasporto dei passeggeri è limitato a una scala locale. Si aprirà progressivamente ai viaggiatori a partire dal 1895: da allora, tramite la pubblicità, le compagnie ferroviarie cercheranno di spingere al viaggio fasce sempre più ampie di pubblico.
Mentre le compagnie marittime magnificano la bellezza e la potenza dei loro transatlantici e i manifesti aeronautici sottolineano le prodezze tecniche degli apparecchi, il treno sceglie un’altra forma di messaggio, che illustra principalmente l’idea del viaggio e le sue mete, con rappresentazioni che riflettono fedelmente l’arte dell’epoca.
Verso la fine del XIX secolo le compagnie ferroviarie utilizzeranno dunque largamente i manifesti pubblicitari nei luoghi più frequentati delle nuove stazioni più o meno monumentali che cominciavano ad apparire nelle grandi metropoli: i manifesti devono essere tanto attraenti quanto decorativi, far sognare sulle destinazioni proposte e suggerire momenti felici, mentre si assiste a un incremento dei «treni di piacere» che invitano alla scoperta dei luoghi turistici.
Prima del 1914, seppure carenti di possibilità finanziarie, le compagnie ferroviarie chiameranno artisti già noti al pubblico per manifesti che celebrano gli esordi dell’aviazione o che pubblicizzano velocipedi, prodotti alimentari, aperitivi. Il periodo Art Déco è esaltato da Adolphe Mouron, detto Cassandre, certamente l’ideatore dei più bei manifesti per la Compagnie du Nord, oltre che creatore per la compagnia inglese LMS.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale pittori e grafici famosi come Dalí, Mathieu, Brenet, Savignac e il suo collega Villemot fanno onore al loro datore di lavoro, la SNCF (Société Nationale des Chemins de Fer Français, la società ferroviaria nazionale). Tra il 1956 e il 1963 la compagnia nazionale francese commissiona 28 manifesti a diversi artisti noti col nome di «pittori testimoni del loro tempo», che espongono in quel pNel corso degli anni Cinquanta dell’Ottocento, la ferrovia non ha affatto bisogno di manifesti: il treno è destinato alle merci e il trasporto dei passeggeri è limitato a una scala locale. Si aprirà progressivamente ai viaggiatori a partire dal 1895: da allora, tramite la pubblicità, le compagnie ferroviarie cercheranno di spingere al viaggio fasce sempre più ampie di pubblico.
Mentre le compagnie marittime magnificano la bellezza e la potenza dei loro transatlantici e i manifesti aeronautici sottolineano le prodezze tecniche degli apparecchi, il treno sceglie un’altra forma di messaggio, che illustra principalmente l’idea del viaggio e le sue mete, con rappresentazioni che riflettono fedelmente l’arte dell’epoca.
Verso la fine del XIX secolo le compagnie ferroviarie utilizzeranno dunque largamente i manifesti pubblicitari nei luoghi più frequentati delle nuove stazioni più o meno monumentali che cominciavano ad apparire nelle grandi metropoli: i manifesti devono essere tanto attraenti quanto decorativi, far sognare sulle destinazioni proposte e suggerire momenti felici, mentre si assiste a un incremento dei «treni di piacere» che invitano alla scoperta dei luoghi turistici.
Prima del 1914, seppure carenti di possibilità finanziarie, le compagnie ferroviarie chiameranno artisti già noti al pubblico per manifesti che celebrano gli esordi dell’aviazione o che pubblicizzano velocipedi, prodotti alimentari, aperitivi. Il periodo Art Déco è esaltato da Adolphe Mouron, detto Cassandre, certamente l’ideatore dei più bei manifesti per la Compagnie du Nord, oltre che creatore per la compagnia inglese LMS.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale pittori e grafici famosi come Dalí, Mathieu, Brenet, Savignac e il suo collega Villemot fanno onore al loro datore di lavoro, la SNCF (Société Nationale des Chemins de Fer Français, la società ferroviaria nazionale). Tra il 1956 e il 1963 la compagnia nazionale francese commissiona 28 manifesti a diversi artisti noti col nome di «pittori testimoni del loro tempo», che espongono in quel pNel corso degli anni Cinquanta dell’Ottocento, la ferrovia non ha affatto bisogno di manifesti: il treno è destinato alle merci e il trasporto dei passeggeri è limitato a una scala locale. Si aprirà progressivamente ai viaggiatori a partire dal 1895: da allora, tramite la pubblicità, le compagnie ferroviarie cercheranno di spingere al viaggio fasce sempre più ampie di pubblico.
Mentre le compagnie marittime magnificano la bellezza e la potenza dei loro transatlantici e i manifesti aeronautici sottolineano le prodezze tecniche degli apparecchi, il treno sceglie un’altra forma di messaggio, che illustra principalmente l’idea del viaggio e le sue mete, con rappresentazioni che riflettono fedelmente l’arte dell’epoca.
Verso la fine del XIX secolo le compagnie ferroviarie utilizzeranno dunque largamente i manifesti pubblicitari nei luoghi più frequentati delle nuove stazioni più o meno monumentali che cominciavano ad apparire nelle grandi metropoli: i manifesti devono essere tanto attraenti quanto decorativi, far sognare sulle destinazioni proposte e suggerire momenti felici, mentre si assiste a un incremento dei «treni di piacere» che invitano alla scoperta dei luoghi turistici.
Prima del 1914, seppure carenti di possibilità finanziarie, le compagnie ferroviarie chiameranno artisti già noti al pubblico per manifesti che celebrano gli esordi dell’aviazione o che pubblicizzano velocipedi, prodotti alimentari, aperitivi. Il periodo Art Déco è esaltato da Adolphe Mouron, detto Cassandre, certamente l’ideatore dei più bei manifesti per la Compagnie du Nord, oltre che creatore per la compagnia inglese LMS.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale pittori e grafici famosi come Dalí, Mathieu, Brenet, Savignac e il suo collega Villemot fanno onore al loro datore di lavoro, la SNCF (Société Nationale des Chemins de Fer Français, la società ferroviaria nazionale). Tra il 1956 e il 1963 la compagnia nazionale francese commissiona 28 manifesti a diversi artisti noti col nome di «pittori testimoni del loro tempo», che espongono in quel p







Altre Informazioni

ISBN:

9788816604513

Condizione: Nuovo
Collana: VARIE. ILLUSTRATI
Formato: Libro rilegato
Pagine Arabe: 184
Traduttore: Emaldi E.






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X