Lettere Contro La Guerra - Terzani Tiziano | Libro Longanesi 02/2002 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

terzani tiziano - lettere contro la guerra

LETTERE CONTRO LA GUERRA




Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


PREZZO
13,60 €
NICEPRICE
12,92 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Longanesi

Pubblicazione: 02/2002
Edizione: 10ª





Trama

Il volume raccoglie una serie di lettere inedite e alcune comparse sul "Corriere della Sera". Con queste corrispondenze - da Kabul, Peshawar, Quetta, ma anche da Orsigna, Firenze, Delhi e dal suo rifugio sull'Himalaya - Tiziano Terzani comincia un pellegrinaggio di pace tra Oriente e Occidente. Secondo l'autore infatti "non basta comprendere il dramma del mondo musulmano nel suo confronto con la modernità, il ruolo dell'Islam come ideologia antiglobalizzazione, la necessità da parte dell'Occidente di evitare una guerra di religione", bisogna soprattutto capire, convincersi, credere che l'unica via d'uscita possibile dall'odio, dalla discriminazione, dal dolore è la non-violenza.




Autore

Tiziano Terzani Nasce a Firenze nel 1938 e dal 1971 è corrispondente dall'Asia per il settimanale tedesco "Der Spiegel" (una collaborazione trentennale, durante la quale Terzani scrive anche per "la Repubblica" e per il "Corriere della Sera"). Nel 1973 pubblica Pelle di leopardo, dedicato alla guerra in Vietnam. Nel 1975 assiste alla presa del potere da parte dei comunisti a Saigon e da questa esperienza nasce Giai Phong! La liberazione di Saigon. Segue Holocaust in Kambodscha (1981), frutto del viaggio a Phnom Penh compiuto dopo l'intervento vietnamita in Cambogia. Il soggiorno in Cina si conclude nel 1984, quando Terzani viene arrestato per "attività controrivoluzionaria" e poi espulso. Esperienza che dà origine a La porta proibita (1985). Con Buonanotte, signor Lenin (1992) testimonia il crollo dell'impero sovietico. Nel 1993 pubblica Un indovino mi disse, viaggio-reportage alla scoperta del sud-est asiatico. In Asia (1998) ripercorre gli eventi che hanno segnato la storia asiatica degli ultimi trent'anni. In seguito all'attentato terroristico di New York dell'11 settembre pubblica le Lettere contro la guerra (2002). Due anni dopo, con Un altro giro di giostra, sceglie di raccontare un viaggio diverso, quello attraverso la propria malattia, e il mondo che la circonda. Muore a Orsigna, nei pressi di Firenze, il 28 luglio 2004.




Note Libraio

Ancor pió che fuori, le cause della guerra sono dentro di noi. Lentamente bisogna liberarcene. Cominciamo a prendere le decisioni che ci riguardano e che riguardano gli altri sulla base di pió moralità e meno interesse. Una civiltà si rafforza con la sua determinazione morale molto pió che con nuove armi. La risposta civile e intensa alla "rabbia e orgoglio" della Fallaci da parte di un uomo che da trent'anni vive gran parte del suo tempo in Asia.







Altre Informazioni

ISBN:

9788830419780

Condizione: Nuovo
Collana: IL CAMMEO
Dimensioni: 8.00 x 5.50 x 1.00 inch.
Formato: Hardcover
Pagine Arabe: 196






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X