La Vasca Del Fuhrer - Dandini Serena | Libro Einaudi 11/2020 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

dandini serena - la vasca del fuhrer

LA VASCA DEL FUHRER


4 stelle su 5 1 recensioni presenti


Disponibilità: IMMEDIATA

Se ordini entro 16 ore e 18 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
17,50 €
NICEPRICE
16,62 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Einaudi

Pubblicazione: 11/2020





Multimedia





Descrizione

Il 30 aprile del 1945, Lee Miller, in veste di corrispondente di guerra per la rivista Vogue, in compagnia di David Scherman, fotografo di Life, entra nella casa di Adolf Hitler a Monaco, e qui chiede al David di scattare una fotografia che la ritrae nella vasca da bagno di Hitler mentre si fa il bagno.
Nella foto si possono vedere degli stivali sporchi di fango, lo stesso fango del Campo di Concentramento di Dachau che ha visitato poche ore prima, come se volesse lavarsi via l'orrore appena visto.

Lee Miller nella vasca di Hitler (David Scherman, 1945)




Note Editore

Serena Dandini racconta la storia di Elizabeth Lee Miller, Lady Penrose, modella, fotografa e fotoreporter. Durante la seconda guerra mondiiale divenne la corripondente di guerra di Vouge, e fu la prima donna ad entrarte con una macchina fotografica in un campo di concentramento dopo la liberazione.
Un avvincente romanzo sulle tracce di Lee Miller. Una storia vera tra i fasti e le tragedie del secolo scorso.

Modella, fotografa, reporter di guerra, viaggiatrice appassionata, Lee Miller è stata una donna libera ed emancipata in un tempo in cui esserlo era pressoché impossibile. Nel giro di pochi anni, dall'essere un'icona della moda, la piú bella ragazza d'America, è passata a ispirare grandi artisti e a produrre arte lei stessa. Di lei, e delle sue labbra, si è innamorato follemente Man Ray; i suoi piú cari amici erano Max Ernst, Jean Cocteau e Pablo Picasso, che l'ha dipinta. Ha seguito la guerra in Europa avanzando insieme all'esercito statunitense, ed è stata tra le prime reporter a entrare nei campi di concentramento. Con le sue parole, e attraverso l'obiettivo dell'inseparabile Rolleiflex, ha documentato sulle pagine di «Vogue» l'orrore del conflitto. Una vita, quella di Lee, sempre al centro della Storia, un'avventura umana che Serena Dandini riporta alla luce un pezzo alla volta, mettendosi in gioco di persona: con rispetto, con ammirazione, con amore.




Prefazione

«È possibile per una donna rimanere "un genio libero" e "uno spirito dell'aria" senza pagare nessuna conseguenza?»




Trama

«È possibile per una donna rimanere "un genio libero" e "uno spirito dell'aria" senza pagare nessuna conseguenza?». Un'istantanea in bianco e nero coglie una donna dalla bellezza struggente immersa in una vasca da bagno del tutto ordinaria. Guardando bene, però, in basso ci sono degli anfibi sporchi di fango, e in un angolo, sulla sinistra, un piccolo quadro. Il viso nella cornice è quello di Adolf Hitler, il fango è quello di Dachau; lei, la donna, è Lee Miller: ha da poco scattato le prime immagini del campo di concentramento liberato, e ora si sta lavando nella vasca del Führer. Prendendo spunto da una fotografia che ha scoperto per caso, Serena Dandini si mette sulle tracce di Lee Miller Penrose, una delle personalità più straordinarie del Novecento. La cerca nei suoi luoghi, «dialoga» con lei, ripercorre la sua esistenza formidabile - che ha anticipato ogni conquista femminile - in un avvincente romanzo, una storia vera, tra i fasti e le tragedie del secolo scorso.




Autore

Serena Dandini è autrice, conduttrice televisiva e scrittrice. Tra i suoi libri, tutti best seller, Dai diamanti non nasce niente. Storie di vita e di giardini (Rizzoli 2011), Ferite a morte (con Maura Misiti, Rizzoli 2013), Avremo sempre Parigi. Passeggiate sentimentali in disordine alfabetico (Rizzoli 2016), Il catalogo delle donne valorose (Mondadori 2018). Per Einaudi ha pubblicato La vasca del Führer (2020).




Recensione Libraio

Tutti ricordano una serie di celebri fotografie scattate da Man Ray raffiguranti degli occhi femminili. Se è facile ricollegare queste immagini a quelle più iconiche dell’esponente del Surrealismo, è meno facile pensare che la modella fotografata sia stata anch’ella una protagonista della fotografia del ‘900.

La vasca del Fuhrer di Serena Dandini racconta proprio la storia della persona alla quale appartenevano gli occhi fotografati da Man Ray e il cui sguardo è stato determinante nella narrazione di alcuni avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale.

Lei si chiamava Lee Miller Penrose, nacque negli Stati Uniti e divenne presto quotata modella grazie al suo aspetto fuori dal comune.
Ma anche il suo carattere non era certo conformista e la giovanissima Lee Miller decise di abbandonare la carriera di modella per avventurarsi nella Parigi degli anni ‘20 (quella celebrata da Woody Allen in Midnight in Paris!).
Lì decise di passare dall’altra parte dell’obiettivo e di diventare fotografa, passando poi ad essere assistente, modella, compagna e musa proprio di Man Ray.

Serena Dandini in La vasca del Fuhrer, con uno stile asciutto e reportagistico, ci racconta i vari passaggi di vita di questa donna straordinaria, muovendosi tra passato e presente, raccontandoci della libertà agguantata da Lee Miller, dei suoi viaggi, delle sue passioni. Poi il matrimonio e infine lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale con il conseguente impegno della fotografa come pura reporter di guerra.

In La vasca del Fuhrer Serena Dandini parte spesso dai dettagli fotografici.

E’ infatti una fotografia particolare a dare il titolo al libro e ad essere l’incipit di La vasca del Fuhrer: una fotografia che ritrae Lee Miller in una vasca da bagno.
Apparentemente una fotografia artistica quella scattata da David Sherman, ma che nei dettagli rivela molto di più: un ritratto di Hitler sullo sfondo, degli stivali infangati e una divisa impolverata a lato dell’immagine.
La foto è stata scattata proprio nella vasca del Fuhrer, durante una sosta negli appartamenti privati di Hitler, dopo l’ingresso nei campi di concentramento e solo otto giorni prima che la Germania capitolasse.

La polvere della divisa, il fango degli stivali, la stanchezza sul volto sono i segni lasciati dall’ingresso degli americani, reporter compresi, all'interno dei campi di concentramento di Dachau e Buchenwald. Una pagina di storia talmente incredibile per chi la testimoniò al punto che Vogue dovette richiedere una certificazione di autenticità per le immagini scattate.

La vasca del Fuhrer è la storia dietro questa foto e intorno alla vita di questa fascinosa donna che ha conosciuto e fotografato artisti e intellettuali apponendo la sua firma a vere e proprio pagine di storia del Novecento.

Recensione di Stefania C.






APPROfONDIMENTI SUI TEMI DEL LIBRO

LEE MILLER E MAN RAY,ATLANTE
TRAME LIBERE. CINQUE STORIE SU LEE MILLER,Sinnos
MAN RAY,TASCHEN
LA RAGAZZA CON LA LEICA,Guanda
DAI TUOI OCCHI SOLAMENTE,BEAT

UNA DONNA IN CONTROLUCE,Solferino
VIVIAN,Chiarelettere
MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA,Einaudi
IN PRIMA LINEA. DONNE FOTOREPORTER IN LUOGHI DI GUERRA,EDIZIONI EFFEDA¬




Altre Informazioni

ISBN:

9788806242824

Condizione: Nuovo
Collana: EINAUDI. STILE LIBERO BIG
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 248





I vostri commenti al Libro

1 recensioni presenti.

05/01/2021 Di rovere.c
4 stelle su 5

Libro regalato, parere indiretto. Pare che sia una buona lettura







Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X