L'ora Di Agathe - Bomann Anne Cathrine | Libro Iperborea 02/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

bomann anne cathrine - l'ora di agathe

L'ORA DI AGATHE




Disponibilità: solo 2 copie disponibili, compra subito!

Se ordini entro 23 ore e 41 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
15,00 €
NICEPRICE
12,75 €
SCONTO
15%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


ALTRI FORMATI

Disponibile anche in formato eBook al prezzo di 2,99 €





Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

IPERBOREA

Pubblicazione: 02/2019





Trama

In una cittadina francese degli anni Quaranta, uno psicanalista fa il conto alla rovescia, con puntiglio maniacale, delle ore che lo separano dalla pensione. Scapolo e senza amici, la sua vita si divide tra lo studio, dove ascolta svogliatamente i pazienti fingendo di prendere appunti mentre disegna caricature di uccelli, e la casa d'infanzia in cui ancora abita e si rintana dal mondo, origliando dai muri la vita del vicino che non ha mai visto. Qualcosa cambia quando una giovane tedesca di nome Agathe insiste per essere presa in cura da lui. Costretto ad accettarla suo malgrado e nonostante l'imminente ritiro, il medico scopre che dietro quell'aspetto fragile si nasconde una donna forte, sagace, pronta a scavare nel suo passato per affrontare il trauma inconfessabile che le ha imbrigliato l'esistenza. Una donna che lo affascina e lo sfida cogliendo in lui quel male di vivere che li accomuna e li lega in un'intesa sottile. Una paziente capace di girare lo specchio e invertire i ruoli, obbligando lui, lo psichiatra a fine carriera, il vecchio disilluso, a guardare dentro la sua stessa infelicità e a mettere in discussione, solo ora e per la prima volta, la sua vita. "L'ora di Agathe" è il racconto di una tardiva quanto fervida educazione sentimentale, il diario di una lotta interiore tra il desiderio di intimità con gli altri e con il mondo e la paura di perseguirlo, una storia che ci costringe a rallentare il ritmo, ad affinare i sensi e i pensieri, trascinandoci dolcemente nel percorso dei due protagonisti, inseguendo la speranza di essere sempre in tempo per ricominciare.




Recensione Libraio

“Io credo che la vita consista in una lunga serie di scelte che siamo costretti a fare. È solo se rifiutiamo di assumerci questa responsabilità che tutto diventa indifferente.”
Francia, anni Quaranta: un anziano psicanalista si avvicina alla pensione: mancano poco meno di sei mesi, ventidue settimane per l’esattezza, 800 incontri. Numeri confortanti, perché diminuiscono ogni giorno. Anche se a fatica.
Ormai nella vita dell’uomo prevale un’indifferente indolenza che lo porta a compiere gesti sempre uguali, senza interesse e senza sussulti.
Lo studio è condotto dalla fidata segretaria e tuttofare Madame Surrugue, che tiene in ordine appuntamenti e cartelline dei clienti, cambia i fiori, pulisce le stanze. Il dottore siede dietro il lettino dove i pazienti si stendono e da dove raccontano, mentre lui disegna schizzi di uccelli su un taccuino.
Giornate così, in un conto alla rovescia matematico. La casa che lo accoglie la sera è la stessa in cui è cresciuto, e nella quale non ha mutato nulla: un po’ di musica col plaid sulle gambe, prima di dormire.
Se è vero che “la vita è costituita di tutto quello che facciamo” la vita dell’anziano psicanalista è un susseguirsi di atti stanchi e vuoti di significato. Un’esistenza disillusa e solitaria alle prese con i segni dell’età.
“Credo che la vita sia troppo breve e troppo lunga nello stesso tempo. Troppo breve per imparare a vivere. Troppo lunga perché la decadenza si fa solo più visibile ogni giorno che passa”
Poi, inaspettatamente e contro le sue indicazioni, Madame Surrugue accetta una nuova paziente, per il tempo rimasto. È una giovane tedesca, Agathe Zimmermann, magrissima e pallida, insistente nel volersi fare accettare dal dottore. Agathe è una donna violata e fragile, autolesionista e infelice, ma acuta, brillante e sagace. La sua pelle è bianca, e il suo è un profumo di mele e cannella.
Quell’ora, due volte alla settimana, diventa un appuntamento atteso con trepidazione. Agathe non svela solo i suoi turbamenti, ma porta il dottore di fronte ai suoi, alla realtà della sua vita, e alla sua infelicità. Svela le sue ombre raccontando le proprie.
“Ma dottore, come può passare l’esistenza ad alleviare il dolore degli altri, se non ha consapevolezza del suo?”
L’ora di Agathe è un romanzo elegante e molto raffinato, che pone quesiti importanti sulle proprie scelte e il senso dell’esistenza, con grande grazia anche quando affronta il tema della vecchiaia e della morte, svelando le paure più profonde e più vere dell’uomo. Sono queste paure a rendere soli.
Anne Cathrine Bomann, che è poetessa e psicologa, fonde le sue due anime in un racconto sentimentale memorabile che tocca il cuore, ricordando che c’è sempre tempo per ricominciare.

Recensione di Francesca Cingoli






Altre Informazioni

ISBN:

9788870914979

Condizione: Nuovo
Collana: NARRATIVA
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 153
Traduttore: D'Avino M. V.






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X