L'inverno Dei Leoni. La Saga Dei Florio - Auci Stefania | Libro Nord 05/2021 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

auci stefania - l'inverno dei leoni. la saga dei florio

L'INVERNO DEI LEONI. LA SAGA DEI FLORIO


5 stelle su 5 3 recensioni presenti


Disponibilità: IMMEDIATA

PREZZO
20,00 €
NICEPRICE
19,00 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Nord

Pubblicazione: 05/2021





Descrizione

«A volte, un nome è l'unica cosa che ti permette di sopravvivere».

Il secondo e conclusivo capitolo della saga dei Florio, l’attesissimo L’inverno dei leoni, è la storia di un esorabile declino, ma è soprattutto una storia di fragilità e di amori, in un’Italia di profondi cambiamenti sociali e politici.
L’ascesa della famiglia ha portato negli anni il nome Florio a superare i confini della Sicilia, è arrivato fino a Roma, a occupare i seggi del potere, ha varcato i mari: il patrimonio si è ingrandito fino a diventare ingombrante, e non ci sono solo il marsala, le tonnare, la compagnia di navigazione, gli investimenti. C’è un senso di responsabilità asfissiante, che avvolge e consente solo ai più forti di non soccombere al peso delle decisioni e dei valori di Casa Florio.

Nel nuovo romanzo di Stefania Auci sono due generazioni e due stili di vita a fronteggiarsi: da una parte Ignazio, che incarna la disciplina, e la rinuncia, anche dell’amore, dall’altra Ignazziddu, la ricerca decadente del piacere, gli ultimi smisurati e insensati fasti.
Se Ignazio ha avuto la capacità imprenditoriale, la forza e la visione di continuare a costruire, guardando sempre oltre, con la caparbietà ma insieme l’umanità di chi non dimentica il valore dell’uomo, e porta la fortuna Florio alla sua massima espansione, i vent’anni di Ignazziddu sono troppo pochi per ricevere sulle spalle un’eredità pesantissima. È giovane, e forse non ha il talento di chi l’ha preceduto: Ignazziddu si gode la vita, e non ascolta la voce del dovere.
Ma sono soprattutto le donne a emergere nelle pagine de L’inverno dei leoni, due protagoniste immense, Giovanna d’Ondes e Franca Jacona di San Giuliano.
Giovanna è austera e misurata, si è abituata a un matrimonio in cui lei deve amare per tutti e due, ha accettato le menzogne, e ha imparato ad accontentarsi delle briciole dell’amore. Discreta e paziente, anno dopo anno, per il nome della famiglia.
Franca è una regina, icona di stile, raffinata e bellissima: ritratta da Boldini, corteggiata da D’Annunzio, ha fatto della sua eleganza e del suo glamour una corazza. I suoi gioielli, emblemi dei tradimenti del marito, sono la sua scialuppa nella solitudine, e a loro si aggrappa, fino alla fine. Donna Franca, così ammirata da diventare leggenda, tra le mura di casa resta fimmina, condannata ad accettare, in silenzio, i suoi dolori.

«Masculu è, ma tu si' fimmina. Lo sai che è così, e sei tu che devi reagire, e non per il picciriddu. Sai com'è fatto iddu... 'un c'ha' a fari bile, che non serve a niente. Lassalu iri.» Le prende il viso tra le mani, la costringe a guardarla. «Le femmine sono più forti, vita mia. Più forti di tutto perché conoscono la vita e la morte e non hanno paura di affrontarle».

Accanto a uomini che non hanno bisogno di altro che di Casa Florio, e del suo potere, le donne sono anime della solitudine ma anche del riscatto, della ricerca della propria identità in una società rigida e patriarcale. Ne è simbolo Giulia Florio, personaggio di grandissima forza, dignità e indipendenza.
La caduta dei “Vicerè di Palermo” erge a protagonista la violenza del destino, la capacità di affrontare gli eventi: è un mondo che si sta evolvendo, e punisce chi resta ancorato ai vecchi modelli, sordo ai primi scricchiolii che annunciano il cedimento delle certezze, prima che delle ricchezze.
Sullo sfondo c’è una Sicilia d’incanto che in quegli anni gloriosi assume un ruolo centrale e sfavillante nel panorama europeo: è una Sicilia cosmopolita, aristocratica che anche grazie ai Florio si apre alle corti internazionali.

Dopo il successo clamoroso dei Leoni di Sicilia, “libro dei record” tradotto in 32 paesi, Stefania Auci vince la non facile sfida delle aspettative con un secondo capitolo riuscito e potente: L’inverno dei leoni rende onore alla storia della famiglia conferendo un’anima agli eventi, conquistando i lettori con la luce della scrittura, e smarcandosi superbamente dalla logica di “seguito di” con grandissima energia e personalità.

Recensione di Francesca Cingoli





Recensione Libraio

Torna una delle saghe italiane più amate, quella dei Florio. 
Ne L'inverno dei leoni Stefania Auci ci riporta dalla famiglia siciliana che si è fatta da sè, come il Mastro Don Gesualdo di Verghiana memoria.

L'inverno dei leoni vede i Florio vincitori, lontani dalla miseria dei primi tempi, quando Paolo e Ignazio possedevano solo la determinazione e le mani per lavorare. 
Ora i due sono ricchi possidenti, hanno fabbriche, hanno palazzi, tonnare, navi, ricchezze.

Ignazio è determinato quanto spregiudicato e la Sicilia non gli basta più: non sono più sufficienti le ammirazioni e le paure che incute nei suoi compaesani. Ignazio vuole muovere alla volta degli intrighi politici di Roma, alla volta del Mediterraneo e delle corti europee. 

L'inverno dei leoni ci mostra come prosegue la saga dei Florio e di come all'interno di vicende commerciali e politiche, ci sia uno spazio determinante per i moti del cuore: se Ignazio è spregiudicato, freddo e calcolatore lo deve alla rinuncia di un amore per il bene della casata Florio. Ma l'amore non si dimentica. 
Questa sua ombra si riflette su suo figlio Ignazziddu, spaventandolo: egli, pur ricevendo in eredità l'impero dei Florio, non vuole l'eredità della rinuncia. 
Non ne è all'altezza.

In saghe storiche e famigliari come quella de I leoni di Sicilia prima, e di L'inverno dei leoni dopo, ci addentriamo nell'animo umano, come quello di Ignazziddu che si rende conto di come non sia sufficiente essere un Florio per imporsi, di come a lui manchi qualcosa che il padre e il nonno avevano. 

Ignazio e Ignazziddu, legati ma diversi, sono solo una parte del ritratto corale che si compone ne L'inverno dei leoni.
Perchè le donne giocano un ruolo di controparte altrettanto importante: la moglie di Ignazio Giovanna, appassionata, in cerca d'amore, dura e insieme fragile; e Franca, bellissima donna moglie di Ignazziddu, che non scampa a un destino crudele. 

La parabola dei Florio che seguiamo ne L'inverno dei leoni si compie grazie a loro. 
I Florio hanno vinto tutto, ma perdono anche tutto.
Eppure il loro astro fulgente ha lasciato una scia luminosa che ancora oggi, nella Sicilia odierna, illumina i cuori.


"Stefania Auci torna a intrecciare la storia alle storie, la forza alle fragilità, la magnificenza al decadimento. Nel fluire magico di queste pagine c'è tutto: chi siamo, chi siamo stati, chi saremo"
Nadia Terranova



Recensione di Stefania C.






i libri che interessano a chi ha i tuoi gusti





Altre Informazioni

ISBN:

9788842931546

Condizione: Nuovo
Collana: NARRATIVA NORD
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 688





I vostri commenti al Libro

3 recensioni presenti.

07/06/2021 Di casolini
5 stelle su 5

Un must , capitolo 2* della saga dei Florio



22/06/2021 Di augusta.pagani26
5 stelle su 5

Una finestra sulla storia del nostro Paese



07/07/2021 Di proffrancy64
5 stelle su 5

Il seguito dei Leoni di Sicilia, un romanzo avvincente che è anche uno sguardo attento sull’Italia post unitaria. Ambienti descritti con accuratezza e personaggi che sembrano pronti ad uscire dal libro e farti compagnia







Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X