home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

de giovanni maurizio - l'equazione del cuore

L'EQUAZIONE DEL CUORE


5 stelle su 5 1 recensioni presenti


Disponibilità: IMMEDIATA

Se ordini entro 19 ore e 44 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
19,00 €
NICEPRICE
18,05 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

MONDADORI

Pubblicazione: 02/2022





Descrizione

La matematica è una certezza. 
Lo sa bene Massimo, il protagonista de L'equazione del cuore di Maurizio De Giovanni.

Professore di matematica ormai in pensione, Massimo ha scelto una vita solitaria: la moglie è morta, la figlia vive al nord, lui pesca e passa il tempo nella sua appartata casetta sul golfo di Napoli. 

Ma se la matematica è certezza, la vita non ne riserva altrettanta.
Il conflitto al centro di L'equazione del cuore è infatti la telefonata che scombina ogni piano a Massimo: la figlia e il genero sono morti in un incidente stradale e l'unico sopravvissuto, il nipotino Checco, è ora in coma. 

Massimo parte per il nord per recarsi al capezzale di Checco.
Non può sottrarsi a questa e ad altre responsabilità: essere il tutore del nipote, essere presente lì al Nord, lontano dalla sua comfort zone, essere un riferimento per la gente del posto che dipende da un'attività lavorativa di cui ora Massimo è unico erede. 

L'equazione del cuore è una storia di cambiamento imposto ad una persona che nella matematica, nella certezza solida dei numeri, trova la propria sicurezza.
E infatti, al capezzale di Checco, Massimo racconta il fascino dei numeri. E cioè il suo modo di stare di al mondo, con sicurezza, quando tutto intorno muta. 

L'equazione del cuore, un libro che da sempre Maurizio De Giovanni ha desiderato scrivere, è un libro di grandi quesiti e dilemmi, non solo matematici: dove ci porta il dolore? Qual è lo spazio che separa il mistero dal dolore? E tutto ciò, dove condurrà?

Recensione di Stefania C.




Trama

Dopo la morte della moglie, Massimo, professore di matematica in pensione, vive, introverso e taciturno, in una casa appartata su un'isola del golfo di Napoli. Pesca con metodo e maestria e si limita a scambiare rare e convenzionali telefonate con la figlia Cristina, che vive in una piccola città della ricca provincia padana. A interrompere il ritmo di tanto abitudinaria esistenza la notizia di un grave incidente stradale: la figlia e il genero sono morti, il piccolo Checco è in coma. Massimo deve assolvere i suoi doveri. Crede, una volta celebrata la cerimonia funebre, di poter tornare nella sua isola, e lasciare quel luogo freddo e inospitale. Non può. I sanitari lo vogliono presente accanto al ragazzino che giace incosciente. Controvoglia, il professore si dispone a raccontare al nipote, come può e come sa, la "sua" matematica, la fascinosa armonia dei numeri. Fuori dall'ospedale si sente addosso gli occhi della città, dove lo si addita, in quanto unico parente, come tutore del minore, potenziale erede di una impresa da cui dipende il benessere di molti. Da lì in poi quanto mistero è necessario attraversare? Quanto umano dolore bisogna patire? Per arrivare dove? Maurizio de Giovanni scrive una delle storie che ha sempre sognato di raccontare. E ci consegna a un personaggio, tormentato e meravigliosamente umano, messo dinanzi al mistero del cuore.




Recensione Libraio

Un uomo solo e disorientato di fronte all’esperienza del dolore e ai sentimenti della vita: il protagonista del nuovo romanzo di Maurizio de Giovanni è un professore in pensione, taciturno e poco incline ai rapporti umani. Massimo Di Gaudio: un nome che sembra uno scherzo il suo, che ha una maschera di tristezza che non conosce il sorriso e una personale solitudine che trova la sua dimensione perfetta nell’inverno, quando, sull’isola nel golfo di Napoli dove vive, non ci sono turisti, non c’è musica, né vita.

Costretto ad affrontare la realtà a causa dell’incidente in cui sono rimasti coinvolti la figlia, il genero e il nipote Checco, unico superstite, Massimo sale al nord, in mezzo alla nebbia, in mezzo alla sofferenza di una camera di ospedale, ai pianti degli altri.

 

“Erano otto anni che non si muoveva dall’isola, restringendo progressivamente il campo nel quale la sua vita si svolgeva, secondo una sequenza di eventi sulla quale esercitava un pieno controllo, o così credeva.”

 

Abituato a gestire la vita con la logica e la razionalità della matematica, Massimo si trova suo malgrado a dover affrontare dei doveri più sentimentali che oggettivi, la perdita, l’accudimento, con un senso di straniamento e il desiderio ignobile ma umano di fare presto ritorno a casa.

Attaccato a una macchina, in un letto, c’è il corpo di un nipote che lui non ha mai conosciuto a fondo, dieci giorni d’estate, lui a pescare, il bambino a guardarlo, in attesa di un cenno: quell’uomo alto forte e silenzioso, che giocava a non riconoscerlo, era un po’ il suo eroe, tutto quello che lui avrebbe voluto essere.

 

“Io sono Petrini Francesco di anni nove, signor pescatore. Detto Checco.”

 

Massimo è stato un nonno che non ha mai abbracciato, non ha mai baciato, e si ritrova inchiodato a un capezzale spiazzante, costretto ad annodare i fili di un’armonia sconosciuta: lui, cuore freddo aggrappato alla sua logica, cerca di capire le variabili e le incognite, non solo quelle dei fatti di un incidente strano, ma quelle delle emozioni che gli sono ignote, e che non sempre sono misurabili. Ne ha bisogno, perché quello è il suo modo di misurare la realtà, per poterla gestire.

Il conflitto di ragione e sentimento secondo Maurizio de Giovanni: L’equazione del cuore si muove sul terreno impervio dell’emozione, con i piedi saldi nella logica. Perché Massimo, abituato a non parlare mai con nessuno, inizia un dialogo con il nipote che forse non lo può sentire, e forse è senza speranza, e questa cognizione del dolore è qualcosa di così lontano da lui, e di non esplorato, che quel dialogo diventa la strada nuova per arrivare al cuore, per cercare dentro di sé le tracce di una disperazione che non è capace di riconoscere.

 

“Ciao, signore.
Mi hanno detto che devo parlarti, e io ci provo. Credo di essere la persona meno adatta, perché normalmente io non parlo mai; non perché io stia sempre da solo, un sacco di gente sta da sola e parla, fosse anche per sentire un suono qualsiasi. Io no. Io sento la musica.”

 

In una cittadina inospitale, nella terra dei ricchi e dei vecchi, dove tutti sono attaccati al loro benessere e alla loro infelicità, dove tutti gli altri sono considerati stranieri, Massimo si scopre a indagare la vita di sua figlia, che si accorge di non conoscere: bloccato contro la sua volontà in una dimensione respingente, si rende conto di come nei suoi pensieri non ci sia mai stato spazio per la figlia e il nipote. La sua geografia dell’anima si compone anche nel confronto difficile con la libera e naturale disperazione di Alba, la tata di Checco: quel dolore che sembra accusarlo di freddezza è la porta per imparare ad amare un bambino mai compreso davvero. Per poter ristabilire un’equazione della vita, che possa proiettare Checco in un futuro possibile.

 

“Da qualche parte, dentro di te, c’è una frazione sbagliata; un’equazione che cerca disperatamente di rimettersi a posto, in relazione corretta con tutto il resto. Lei, la tua tata, coi sentimenti ha capito questo, e l’ha capito prima di me.”

 

Se due sistemi interagiscono tra loro per un periodo di tempo, anche se vengono poi separati continuano a influenzarsi, e non possono essere più descritti come due sistemi distinti, ma in qualche modo diventano un unico sistema: è un’equazione alla base della meccanica quantistica ad aiutare Massimo. L’equazione di Dirac è la matematica che spiega le relazioni e ne fa una costruzione.

Rimettere a posto le parti di un sistema complesso è per Massimo trovare anche per se stesso un nuovo posto, un’armonia dei numeri che per lui possa diventare musica, in una nuova geografia dell’amore, nella quale il vecchio pescatore e il bambino trovano la loro connessione, che li porti fuori dal mondo di silenzio.

Maurizio de Giovanni firma un’indagine del cuore, e recuperando l’intuizione di un giovane matematico inglese del Novecento, definisce i contorni di una verità universale che svela il senso di tutto, che è fuori di noi e si chiama amore: nulla rimane immutato, perché siamo tutti interconnessi, fatti di relazioni, influenzati gli uni dai comportamenti degli altri, responsabili e mai soli. E questa scoperta è di una bellezza struggente e ci salva dall’illusione della solitudine e dalla paura.

 

“Posso solo stare qui, facendo penzolare l’amo con l’esca della vita attaccata.
Sperando che tu, pesciolino Checco, prima o poi abbocchi.”



Recensione di Francesca C.









Altre Informazioni

ISBN:

9788804737315

Condizione: Nuovo
Collana: SCRITTORI ITALIANI E STRANIERI
Formato: Rilegato
Pagine Arabe: 300





I vostri commenti al Libro

1 recensioni presenti.

03/03/2022 Di antonella.roberto
5 stelle su 5

Lo stile Degiovanni è unico.....lo consiglio certamente



Dicono di noi