Io Voglio Onesta'. Contro Le Menzogne Del Cristianesimo Ufficiale - Kierkegaard Soren | Libro Castelvecchi 03/2016 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

kierkegaard soren - io voglio onesta'. contro le menzogne del cristianesimo ufficiale

IO VOGLIO ONESTA'. CONTRO LE MENZOGNE DEL CRISTIANESIMO UFFICIALE




Disponibilità: solo 1 copia disponibile, compra subito!

Se ordini entro 9 ore e 56 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
16,50 €
NICEPRICE
14,02 €
SCONTO
15%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Castelvecchi

Pubblicazione: 03/2016





Note Editore

Tra il dicembre 1854 e il maggio 1855, Kierkegaard pubblica sul quotidiano danese «La patria» una serie di articoli, nei quali polemizza con la cristianità ufficiale che si spaccia come il Cristianesimo del Nuovo Testamento ma non rinuncia alla mondanità e ai benefici statali. A questi articoli si aggiunge Questo dev'essere detto, lo si dica dunque, un foglio volante che anticipa di un solo giorno l'uscita del primo numero de «L'istante», l'organo di stampa pensato per dare voce al proprio risentimento verso una situazione che il filosofo non esita a definire «un prendersi gioco di Dio». In prima traduzione italiana, gli scritti con cui Kierkegaard compie l'estremo tentativo di suscitare nei suoi contemporanei la coscienza dell'infinita differenza qualitativa tra l'uomo e Dio.




Prefazione

"Kierkegaard indossa i panni del critico della religione in modo così tagliente che tutti i nerovestiti devono aver avuto le vertigini." JOAKIM GARFF

"Penso che la novità filosofica di Kierkegaard risieda nella sua nozione di fede religiosa. È qualcosa di completamente nuovo nella filosofia europea: la possibilità di arrivare alla verità attraverso la lacerazione sempre rinnovata del dubbio." EMMANUEL LÉVINAS




Trama

Tra il dicembre 1854 e il maggio 1855 Kierkegaard pubblica sul quotidiano danese "La Patria" una serie di articoli, nei quali polemizza con la cristianità ufficiale e i suoi rappresentanti che pretendono di essere considerati autentici testimoni del Vangelo senza tuttavia rinunciare alla mondanità e ai benefici statali di cui godono. A questi articoli si aggiunge "Questo dev'essere detto; lo si dica dunque", un opuscolo che anticipa di un solo giorno l'uscita del primo numero de "L'istante", l'organo di stampa pensato dal filosofo per dare voce al proprio risentimento verso una situazione che non esita a definire "un prendersi gioco di Dio". In prima traduzione italiana, gli scritti con cui Kierkegaard compie l'estremo tentativo di suscitare nei suoi contemporanei la coscienza dell'infinita differenza qualitativa tra l'uomo e Dio. Introduzione di Alberto Siclari.




Autore

SØREN KIERKEGAARD (Copenhagen, 1813-1855) Ultimo di sette fratelli, riceve una rigida educazione pietista, incentrata sulla disciplina e il rigore. Feroce critico dell'idealismo tedesco, sviluppa una filosofia personale incentrata sulla concretezza dell'esistenza singola e sul rapporto dell'uomo con Dio. Dotato di un profondo sentimento religioso, per tutta la vita polemizza con il Cristianesimo ufficiale, fino al rifiuto di ricevere la benedizione in punto di morte. Tra le sue opere, Aut-Aut, Timore e tremore e La malattia mortale.







Altre Informazioni

ISBN:

9788869445538

Condizione: Nuovo
Collana: ETCETERA
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 140






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X