Io, Lei, Manhattan - Gopnik Adam | Libro Guanda 05/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

gopnik adam - io, lei, manhattan

IO, LEI, MANHATTAN




Disponibilità: solo 1 copia disponibile, compra subito!

Se ordini entro 19 ore e 43 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
19,00 €
NICEPRICE
16,15 €
SCONTO
15%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


ALTRI FORMATI

Disponibile anche in formato eBook al prezzo di 10,99 €





Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Guanda

Pubblicazione: 05/2019





Note Editore

Uno straordinario romanzo dal vero: sorprendente love story e insieme scoperta della metropoli più vitale del mondo. New York è la città più innovativa e più amata e qui viene raccontata nel pieno del fulgore degli anni '80.




Prefazione

"L'eccezionalità di Gopnik sta nella sua capacità di prendere un argomento sul quale sembra non ci sia più nulla da dire e trattarlo in maniera originale e profonda… Riesce davvero a vedere tutto il mondo in un granello di sabbia." The New York Times Book Review

"Raffinato come sempre, Gopnik si muove a proprio agio nella storia culturale della città." The New York times




Trama

All'inizio degli anni Ottanta Manhattan non è ancora il fortino inaccessibile che è diventato oggi, ma due giovani appena sbarcati dal Canada attratti dalla sua effervescente vita culturale devono comunque accontentarsi di un minuscolo monolocale in un seminterrato. Da qui partono Adam e Martha nell'esplorazione di se stessi, del loro matrimonio iniziato proprio a New York e della loro nuova città, luogo ideale per mettere a frutto ambizione e talento. Quello di Adam, come lui stesso scoprirà non senza un certo stupore, sta nella capacità di mettere in fila le parole e di spaziare dalla cultura alta a quella bassa, abbandonando il puntiglioso «ma» del dibattito accademico per un tollerante «e» in grado di accogliere con sguardo curioso tutto ciò che la città ha da offrirgli. E delle sue doti dà prova anche in questi resoconti dei suoi comici esordi nel mondo lavorativo, da un impiego alla Frick Library a un altro al MoMA fino ad approdare alla rivista GQ, dove la totale mancanza di requisiti lo rende il candidato ideale. Ogni passaggio è occasione per gli incontri più disparati, dal fotografo Richard Avedon, che diventa mentore e amico fraterno, a un artista di strada deciso a rifare Van Gogh meglio di Vincent, dall'ineffabile star dell'arte consumistica Jeff Koons a un derattizzatore filosofo alle prese con la fauna sotterranea di SoHo. E il racconto cede volentieri il passo alla digressione: il parallelo tra i cicli della moda e l'eterno ritorno dell'uguale di nietzschiana memoria; la semiotica astuta dei centri commerciali e del finto nordico Magen-Dazs; la capacità di oggetti iconici come il walkman e le Nike di mettere le ali ai piedi a un semplice camminatore.




Autore

Adam Gopnik scrive per il New Yorker dal 1986 e su la Repubblica. Ha vinto tre volte il National Magazine Award for Essays and for Criticism e il George Polk Award for Magazine Reporting. Vive a New York con la moglie e i loro due figli. Guanda ha pubblicato Una casa a New York, Da Parigi alla luna, In principio era la tavola, Il sogno di una vita e L'invenzione dell'inverno.




Recensione Libraio

“Quelli erano, e probabilmente sono ancora, i due tipi di lavoro che potevi trovare appena arrivato in città: una specie di lavoro e il lavoro si fa per dire.”
Adam Gopnik e la moglie Martha arrivano a New York nei primi anni Ottanta dal Canada. La loro blue room è un seminterrato di 9 metri quadrati sull’ottantasettesima, infestato di scarafaggi ma capace di tenerli vicini, appiccicati uno all’altra, un’osmosi di sentimento, di ambizione e di talento. Una vita davanti: uno spazio minuscolo che apre grandi orizzonti, perché non si diventa Adam Gopnik all’improvviso. C’è intelligenza, nel racconto dei primi anni newyorkesi, e c’è ironia di chi si compra un completo blu perché l’immagine conta, e poi perde per strada i pantaloni.
I lavori (una specie, e un si fa per dire) sono alla Frick Library prima, al MoMA dopo finché non arriva l’occasione, per la quale il profilo di Adam è così inadeguato da essere perfetto. Adam inizia a lavorare da GQ e il suo è un ruolo costruito sulle parole, dove si rivela la sua naturale propensione alla scrittura, a trovare la definizione esatta per vendere un mondo. Sono anni in cui ci si poteva permettere di scrivere Chiaroscuro Chic e raccogliere approvazioni.
“Capii che scrivere con certezza era la sola certezza offerta dalla scrittura. Se lo dicevi, allora era vero.”
A Manhattan bastano un walkman e un paio di Nike per essere newyorkesi giusti, per vivere pienamente immersi nell’illusione di essere privilegiati, di poter passare le giornate cercando il bello, senza badare ad altro. E’ l’epoca del capitalismo, dove la compensazione del microscopico appartamento si trova nel consumo. I ristoranti diventano luoghi di incontro, patrie di conversazioni. Il gelato è sempre più grasso, e Häagen-Dazs è simbolo del tempo. Jeff Koons si afferma con le sue icone del consumismo, una visione ironica e cromata del mondo, e si fa gioco del sogno americano.
Sono tante le digressioni di Gopnik che parla di moda, di cibo, analizza le contraddizioni dell’arte, l’individualismo contro l’universalismo, parla di critica e di commercio. “Essere un buon giudice dell’arte significa avere la capacità di distinguere la contraddizione vitale dalla confusione corruttrice.” Passati dal buco nel seminterrato a un loft a SoHo, Adam e Martha sono proiettati nelle mille luci di una New York creativa, eccentrica, un fermento di incontri e di conoscenze, con melassa che cola dal soffitto, balle di fieno da spostare in piena notte con la vicina artista, ratti invasori e disinfestatori filosofi. Il mondo è mutato, non solo per il denaro, non solo per la nuova generazione di yuppie: l’intrattenimento non è più isolato dall’arte, e l’ambizione si sublima nel lavoro, per una generazione che ancora non si vergogna di volere sempre di più. “L’ambizione era la vigorosa empietà dell’epoca.”
L’incontro con Richard Avedon segna un momento importante per Adam e Martha, e “Dick” rappresenta per entrambi un mentore carismatico che li accompagna per tutta la vita. Le passeggiate con Dick attraversano Manhattan sotto il segno dei capolavori, dell’originalità, del genio.
Ma in mezzo alle luci e agli splendori del talento, quello che emerge in questa New York dai grandi talenti e dalle immense possibilità, è un senso latente di insicurezza che è diventata anima stessa della vita.
“Manhattan era una sorta di buco nero dove moltissime insicurezze erano collassate l’una sull’altra formando una massa così densa che nessun tipo di serenità sarebbe mai potuta sfuggire alla sua forza d’attrazione”. E per Adam che fin da ragazzo era stato messo in guardia dal padre “non sottovalutare le insicurezze altrui”, il punto fermo rimane Martha, la loro routine, un riferimento sano, un’immagine di eleganza e di personalità che dà il valore alle sue giornate, agli incontri, ai personaggi un po’ matti, all’arte e alle parole. Perché si ritorna a casa, ormai firma eminente del New Yorker, per offrire scalpi dei nemici a questa donna che dorme sempre profondamente, e tutto ritrova un senso.
Io, lei, Manhattan mette in scena uno spettacolo affascinante, una celebrazione intensa di due grandi amori di Gopnik, la ragazza più graziosa mai vista, e la città più luminosa e cupa insieme, dove scoprire che solo scrivendo si è se stessi, insicuri e immensi.
“Scriviamo per non essere passati invano.”

Recensione di Francesca Cingoli






Altre Informazioni

ISBN:

9788823522763

Condizione: Nuovo
Collana: NARRATORI DELLA FENICE
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 310
Traduttore: Blum I. C.






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X