Il Silenzio - Delillo Don | Libro Einaudi 02/2021 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

delillo don - il silenzio

IL SILENZIO




Disponibilità: IMMEDIATA

Se ordini entro 13 ore e 24 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
14,00 €
NICEPRICE
13,30 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Einaudi

Pubblicazione: 02/2021





Trama

Manhattan, 2022. Una coppia è in volo verso New York, di ritorno dalla loro prima vacanza dopo la pandemia. In città, in un appartamento nell'East Side, li aspettano tre loro amici per guardare tutti insieme il Super Bowl: una professoressa di fisica in pensione, suo marito e un suo ex studente geniale e visionario. Una scena come tante, un quadro di ritrovata normalità. Poi, all'improvviso, non annunciato, misterioso: il silenzio. Tutta la tecnologia digitale ammutolisce. Internet tace. I tweet, i post, i bot spariscono. Gli schermi, tutti gli schermi, che come fantasmi ci circondano ogni momento della nostra esistenza, diventano neri. Le luci si spengono, un black-out avvolge nelle tenebre la città (o il mondo intero? Del resto come fare a saperlo?) L'aereo è costretto a un atterraggio di fortuna. E addio Super Bowl. Cosa sta succedendo? È l'inizio di una guerra, o la prima ondata di un attacco terroristico? Un incidente? O è il collasso della tecnologia su se stessa, sotto il proprio tirannico peso? È l'apparizione di un buco nero, l'aprirsi di una piega dello spazio e del tempo in cui le nostre vite scivolano inesorabilmente? Di certo c'è questo: era dai tempi di "Rumore bianco" che Don DeLillo non ci ricordava con tanta accecante precisione che viviamo, disperati e felici, in un mondo delilliano.




Recensione Libraio

Il silenzio di Delillo giunge in un momento storico in cui si può avviare numerose riflessioni.
Ogni storia deve iniziare da un conflitto: quello che dà il via a Il silenzio di Delillo è un blackout.
Siamo a New York nel 2022, la pandemia da coronavirus è alle spalle e le persone ritrovano una parvenza di normalità tra vacanze e cene a casa di amici. Improvvisamente un blackout spegne schermi, tablet, modem. Niente più programmi, social, comunicazioni, niente più investimenti, tweet o post.
Seguiamo la storia de Il silenzio di Delillo dal punto di vista dei protagonisti che sono costretti a valutare e a supporre le motivazioni di questo blackout senza poter guardare più in là della propria singola situazione.
Dal resto non hanno modo di connettersi con il mondo per sapere se il silenzio, il buio, siano locali o mondiali. Se ci sia un attacco terroristico in corso o un semplice incidente.
Se gli interrogativi circa il blackout possono estendersi su un piano filosofico e universale, le domande che si pongono i protagonisti de Il silenzio di Delillo sono molto lontane dall’universalità: ognuno è concentrato nel qui e nell’ora, sulla telefonata che non può fare, sul Superbowl che non si può guardare.
Solo una figura si distingue nell’ovattato dialogare di questi personaggi piccolo borghesi che sembrano usciti da una pièce di teatro dell’assurdo, un personaggio (la voce dell’autore?) che per tutto il libro non fa che citare Einstein e i suoi riferimenti allo spazio e al tempo.
Perché in fondo quel silenzio che ammanta il romanzo di Delillo è una piega che si apre tra lo spazio e il tempo delle nostre vite.
Il silenzio di Delillo è un romanzo con un livello di lettura che in superficie appare semplice, che si presta a speculazioni spicciole.
Ma solo in superficie.
Appena più in profondità questo romanzo apre dei quesiti molto più grandi, tra relatività, incertezza, attenzione umana, sguardo universale, posizione dell’uomo nel mondo.
E all’interno della produzione di Delillo Il silenzio ha un ruolo ben preciso: se l’autore con Rumore Bianco metteva l’uomo al centro delle telecomunicazioni (erano gli anni ’80), in Il silenzio lo isola proprio giocando sull’azzeramento della comunicazione tecnologica.
E’ una morte dell’assoluto in cui però l’uomo non prende più posizione.
Come si risolve Il silenzio di Delillo?
Lasciamo la scoperta, e la riflessione che ne consegue, al lettore.
Ma consigliamo, dopo aver letto Il silenzio di Delillo, di rileggere la citazione di Einstein posta all’inizio del libro: Non so con quali armi si combatterà la Terza guerra mondiale, ma la Quarta guerra mondiale si combatterà con pietre e bastoni.

Recensione di Stefania C.



Note Editore

"La sua capacità di raccontare le emozioni del tempo presente è unica. DeLillo è un genio".
The New York Times




Autore

Don DeLillo è nato nel 1936 nel Bronx da una famiglia di origine italiana. Nella sua lunga carriera ha vinto il National Book Award, il PEN/Faulkner Award e il Jerusalem Prize. Tra i suoi libri, tutti pubblicati da Einaudi, ricordiamo: Rumore bianco, Mao II, Underworld, L'uomo che cade, Zero K e L'angelo Esmeralda







Altre Informazioni

ISBN:

9788806248413

Condizione: Nuovo
Collana: SUPERCORALLI
Formato: Rilegato
Pagine Arabe: 112
Traduttore: Aceto F.






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X