Il Pozzo - Ezera Regina | Libro Iperborea 07/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

ezera regina - il pozzo

IL POZZO




Disponibilità: solo 2 copie disponibili, compra subito!

Se ordini entro 19 ore e 26 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
18,50 €
NICEPRICE
15,72 €
SCONTO
15%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

IPERBOREA

Pubblicazione: 07/2019





Trama

Nella quiete incantata di un lago della campagna baltica, durante un'estate dei primi anni Settanta, Rudolfs, medico di Riga, assapora la sua vacanza solitaria. Costretto a chiedere in prestito una barca in un antico casale, vi trova una donna esile, scalza, in camicetta e pantaloni consunti, lo sguardo sfuggente e impenetrabile che a tratti tradisce una segreta inquietudine, i modi ritrosi che senza volerlo emanano una grazia ammaliante. È Laura, che lì vive con i suoi due bambini insieme alla suocera Alvine e alla cognata Vija, in un gineceo percorso da tensioni sotterranee e tenere complicità nell'ingombrante assenza di Rics, in carcere per un omicidio accidentale. Rics il figlio ribelle di Alvine, erede di una tragica saga famigliare che ha attraversato il passato nazista e il presente sovietico della Lettonia. Rics il marito che Laura, nella distanza, ha scoperto di non amare, ma che attraverso la distanza la incatena al ruolo soffocante di moglie devota. Nel succedersi dei giorni e degli incontri apparentemente innocui intorno al lago, fra Rudolfs e Laura nasce un'intesa di sguardi e di anime sempre più fremente, un bruciante desiderio di vicinanza che si nutre di silenzi carichi di attesa, piccoli gesti che parlano, mani che si sfiorano e per un attimo credono di potersi afferrare. «Il pozzo» racconta un mondo circondato dall'acqua e avvolto dai lunghi crepuscoli dell'estate nordica, una realtà fluida e sfumata come lo sono i rapporti umani e i paesaggi interiori in cui ci immerge, tra gli effetti più sottili della solitudine e del desiderio.




Recensione Libraio

“L’una dopo l’altra si ac¬cesero le stelle. Le serate in agosto non sono più chiare e sfumate di verde, ma scure e azzurre.”
C’è odore di erba tagliata, ne Il pozzo di Regina Ezera. C’è il tonfo delle mele che cadono, il frinire dei grilli, il rumore dei fiotti di latte nel secchio. C’è l’alito caldo del lago che accoglie il medico di Riga Rūdolfs, una breve vacanza con la prospettiva della pesca.
È estate nella campagna baltica, e un torpore avvolge le case attorno al lago, edifici vecchi, apparentemente abbandonati tra licheni e lillà. A una di queste, casa Tomariņi, Rūdolfs si avvicina per chiedere in prestito una barca. Lì in una rimessa piena di legna incontra Laura, intenta nel suo lavoro. Laura è a piedi nudi, i pantaloni consunti, i capelli color rame legati da un elastico: è una donna soffocata dalle tensioni di casa, dal ricordo di un uomo lontano, e da un’infelicità sommessa. Il marito di Laura è in carcere e lei, resa dura e sfuggente dalla solitudine e dalla responsabilità, si occupa di tutto, vivendo con i due bambini, la suocera, la cognata, in un clima difficile nel quale incombe la figura assente di Ričs.
Rūdolfs è affascinato dalla silenziosa e enigmatica bellezza di Laura, che ha silenzi tormentati e profondi che non possono essere riempiti, e capelli che profumano di fresco come i panni di lino asciugati all’aria. Rūdolfs diventa un frequentatore abituale della casa, amico dei due bambini, una compagnia gradita per la famiglia.
Ne Il pozzo di Regina Ezera, ci sono camminate sotto i temporali, con i piedi freddi nel fango e mani calde che si cercano per un istante, falene rosa , rami di gelsomino che sbattono sui vetri nel vento, e notti in mezzo al lago, lo sciabordio a cullare e una luce accesa nel buio in casa Tomariņi, un faro a cui guardare, e c’è il passato che “era come un cadavere, non si poteva cambiare né correggere, bisogna-va solo lasciare che restasse sepolto…”.
C’è profumo di marmellata appena cotta, il fumo della stufa che tira male, l’alito della sauna che è l’odore del sabato sera nordico, e il sapore lontano della storia, dei suoi delitti, un bicchiere di vodka per dimenticare le beghe del kolchoz e i problemi dei contadini.
Il pozzo è un romanzo raffinato, di eleganza struggente, un racconto di solitudini che si cercano e di amori possibili: c’è la finezza psicologica che sa far affiorare la forza del desiderio e il dolore del ricordo, e c’è l’intensità poetica che restituisce scenari e atmosfere, in una natura viva e incantevole che dialoga con l’animo. Uno dei capolavori della letteratura baltica.
“Un richiamo echeggiò ancora dal lago. Le anatre chiacchieravano tra le canne, nemmeno in quell’ora tarda e tranquilla trova¬vano pace.”

Recensione di Francesca Cingoli






Altre Informazioni

ISBN:

9788870916102

Condizione: Nuovo
Collana: NARRATIVA
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 347






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X