Il Ballo Delle Pazze - Mas Victoria | Libro E/O 02/2021 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

mas victoria - il ballo delle pazze

IL BALLO DELLE PAZZE




Disponibilità: IMMEDIATA

Se ordini entro 20 ore e 27 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
16,50 €
NICEPRICE
15,67 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

E/O

Pubblicazione: 02/2021





Trama

Parigi, 1885. A fine Ottocento l'ospedale della Salpêtrière è né più né meno che un manicomio femminile. Certo, le internate non sono più tenute in catene come nel Seicento, vengono chiamate "isteriche" e curate con l'ipnosi dall'illustre dottor Charcot, ma sono comunque strettamente sorvegliate, tagliate fuori da ogni contatto con l'esterno e sottoposte a esperimenti azzardati e impietosi. Alla Salpêtrière si entra e non si esce. In realtà buona parte delle cosiddette alienate sono donne scomode, rifiutate, che le loro famiglie abbandonano in ospedale per sbarazzarsene. Alla Salpêtrière si incontrano: Louise, adolescente figlia del popolo, finita lì in seguito a terribili vicissitudini che hanno sconvolto la sua giovane vita; Eugénie, signorina di buona famiglia allontanata dai suoi perché troppo bizzarra e anticonformista; Geneviève, la capoinfermiera rigida e severa, convinta della superiorità della scienza su tutto. E poi c'è Thérèse, la decana delle internate, molto più saggia che pazza, una specie di madre per le più giovani. Benché molto diverse, tutte hanno chiara una cosa: la loro sorte è stata decisa dagli uomini, dallo strapotere che gli uomini hanno sulle donne. A sconvolgere e trasformare la loro vita sarà il "ballo delle pazze", ossia il ballo mascherato che si tiene ogni anno alla Salpêtrière e a cui viene invitata la crème di Parigi. In quell'occasione, mascherarsi farà cadere le maschere...




Recensione Libraio

Il ballo delle pazze era un evento mondano atteso con bramosia dalla crème parigina di fine Ottocento.

E Il ballo delle pazze è anche il titolo dell’esordio letterario di Victoria Mas pubblicato da E/O Edizioni.

Siamo nella Parigi del 1885 e Il ballo delle pazze ha luogo alla Salpêtrière, l’ospedale psichiatrico dove venivano rinchiuse donne ritenute alienate.

Alcune alienate, “pazze”, lo erano davvero, per ragioni mediche o per traumi subiti nella vita.
Ma in molti altri casi le alienate erano solamente donne ritenute scomode, indipendenti, dalla mente aperta e curiosa e quindi abbandonate nell’istituto da padri e mariti.
Le alienate de Il ballo delle pazze erano quelle donne che Parigi non era in grado di gestire.

Molti elementi del contesto storico in cui si inserisce la storia di Eugenie e Genevieve, protagoniste de Il ballo delle pazze, sono reali: la Salpêtrière esisteva davvero e aveva realmente il ruolo di ricovero per donne “ingestibili”; il medico Charcot, promotore di una scuola di pensiero che curava l’isteria attraverso l’ipnosi è davvero esistito, rese la Salpêtrière luogo famoso fu anche maestro di Freud. E Il ballo delle pazze era reale, solo che a chiamarlo così erano stati i giornali parigini bramosi di avere qualcosa di scomodo da raccontare.

Il ballo delle pazze era l’unica occasione in cui la Salpêtrière apriva al pubblico, e le donne ospiti della struttura potevano svagarsi pensando a cose frivole: Charcot era convinto degli effetti benefici di questa iniziativa, sebbene la popolazione parigina frequentasse la festa per pura curiosità, bramosa di osservare scene raccapriccianti.

In questo contesto si inseriscono gli elementi di finzione del romanzo.
Protagonista de Il ballo delle pazze è Eugenie, giovane di buona famiglia dallo spirito indipendente che per tutta la vita ha nascosto un segreto: è in grado di vedere gli spiriti. La mente le si apre quando casualmente le capita tra le mani un libro sullo spiritismo e viene a conoscenza di una società di studiosi e scienziati che si riuniscono per studiare l’argomento. Eugenie non fa in tempo a trovare il proprio posto in quella società perché la famiglia, venuta a conoscenza di questa terribile stranezza, la fa rinchiudere alla Salpêtrière.
Qui Eugenie conosce le pazze: Therese, da tutti chiamata La Magliaia, la più anziana tra le alienate che si prende cura di tutte come una madre; Louise, bistrattata nella sua giovane vita e illusa di poter ricevere una proposta di matrimonio. E poi c’è Genevieve, l’Anziana, la capo reparto che non vuole avere coinvolgimenti con le alienate ma che con l’arrivo di Eugenie cambierà completamente il suo punto di vista.

Il ballo delle pazze è un romanzo storico con una narrazione femminile e femminista: le donne sono vittime, gli uomini non sono in grado di percepirle come esseri dotati di intelletto e indipendenza.
Le alienate sono tali perché gli uomini le hanno relegata a quel ruolo.
Sicuramente è un romanzo che, al di là della narrazione avvincente che ci porta a voler sapere se Eugenie riuscirà a uscire dalla Salpêtrière, attrae il lettore per tutte le curiosità storiche.
Il ballo delle pazze si chiude e si è naturalmente portati a cercare notizie storiche sui medici, sul contesto, sulle figure che compaiono.

Piccola curiosità: compare un personaggio che si trova nei dipinti di Toulouse Lautrec.



Recensione di Stefania C.






i libri che interessano a chi ha i tuoi gusti





Altre Informazioni

ISBN:

9788833572864

Condizione: Nuovo
Collana: DAL MONDO
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 181
Traduttore: Bracci Testasecca A.






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X