Confidenza - Starnone Domenico | Libro Einaudi 11/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

starnone domenico - confidenza

CONFIDENZA




Disponibilità: solo 2 copie disponibili, compra subito!

Se ordini entro 18 ore e 7 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
17,50 €
NICEPRICE
16,62 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Einaudi

Pubblicazione: 11/2019





Trama

Pietro vive con Teresa un amore tempestoso. Dopo l'ennesimo litigio, a lei viene un'idea: raccontami qualcosa che non hai mai detto a nessuno - gli propone -, raccontami la cosa di cui ti vergogni di piú, e io farò altrettanto. Cosí rimarremo uniti per sempre. Si lasceranno, naturalmente, poco dopo. Ma una relazione finita è spesso la miccia per quella successiva, soprattutto per chi ha bisogno di conferme. Cosí, quando Pietro incontra Nadia, s'innamora all'istante della sua ritrosia, della sua morbidezza dopo tanti spigoli. Pochi giorni prima delle nozze, però, Teresa magicamente ricompare. E con lei l'ombra di quello che si sono confessati a vicenda, quasi un avvertimento: «Attento a te». Da quel momento in poi la confidenza che si sono scambiati lo seguirà minacciosa: la buona volontà poggia sulla cattiva coscienza, e Pietro non potrà mai piú dimenticarlo. Anche perché Teresa si riaffaccia sempre, puntualmente, davanti a ogni bivio esistenziale. O è lui che continua a cercarla? Dopo "Lacci e Scherzetto", Domenico Starnone prosegue il suo lavoro di scavo sull'ambivalenza delle persone e delle relazioni. Con uno sguardo insieme complice e distaccato, ci racconta di un uomo inadeguato a se stesso e alle proprie ambizioni. Ma in realtà ci racconta di noi, di quanto sismico sia il terreno su cui si regge la costruzione della nostra identità.




Recensione Libraio

“Teresa avanzò con cautela una proposta: facciamo che io ti racconto un mio segreto così orribile che nemmeno tra me e me ho mai provato a raccontarmelo, e tu però me ne devi confidare uno equivalente, qualcosa che se si sapesse ti distruggerebbe per sempre”.
Pietro è un professore e Teresa è una sua allieva: si amano, scontrandosi e accanendosi uno sull’altro. Una ragazza “insubordinata e rissosa”, Teresa, sempre pronta ad attaccare, a giocare di sarcasmo. Il loro è un rapporto teso ma fatto di reciproca dipendenza, così Pietro non si tira indietro di fronte all’offerta di un patto di reciproca confessione, che segna il momento più profondo del suo amore con Teresa, ma ne firma anche la condanna.
Pietro sposa Nadia, che è l’estremo opposto di Teresa: minuta, schiva e contenuta, capace di arrossire, “un acquerello dai colori leggeri”. La realtà, si accorge presto Pietro, è che ci innamoriamo di persone che sembrano vere ma non esistono, sono una nostra invenzione. Il matrimonio è fatto di apparente serenità, nella bella casa di Montesacro, ma cela frustrazioni e competitività mascherata di onestà. Quando ritrova Teresa, Pietro si rende conto di sentirsi più sposato a lei, con la schiettezza violenta ma sincera, che a Nadia, con la quale non può mai smascherarsi del tutto, un rapporto contrassegnato da attenzioni e cautele, per tenere in piedi tutto quanto è stato creato insieme. E con Teresa si costruisce un legame a distanza, fatto di reciproco controllo. Un nuovo patto per la vita.
“Ci sposiamo. Facciamo una sorta di matrimonio non religioso e nemmeno civile ma, come lo vogliamo chiamare, etico. Se uno di noi sgarra, l’altro ha il diritto di dire a chiunque: ora ti spiego io chi è veramente quest’uomo, chi è veramente questa donna”.
Grazie all’epistolario con Teresa, e al suo controllo da lontano, Pietro non sgarra, e fa quadrare la sua vita, accettando seppure a fatica la propria inadeguatezza. Amare è mostrare all’altro le proprie fragilità, condividere il lato più oscuro di noi, spogliandoci della nostra falsità: amare è concedere all’altro il potere di distruggerci.
“Non è la pedagogia dell’affetto che ci migliora, ma la pedagogia dello spavento”.
In questo strana e sotterranea simmetria tra finzione e verità, con il costante timore di essere svelato, Pietro finisce per sentirsi un uomo migliore, capace di tenere nascosto il suo peggio e di vivere un’apparenza di onestà che porta agli altri un messaggio di fiducia e di equilibrio. A recitare un se stesso perbene, umanamente manchevole e spaventato.
Guardarsi allo specchio negli occhi degli altri è un gioco pericoloso perché è il loro sguardo che plasma il nostro comportamento, in un perenne sforzo di somigliare a un’idea migliore di noi stessi.
Quello sguardo altrui “è la nostra ossessione, la nostra gratificazione, la misura della nostra inadeguatezza”.
Siamo sempre sotto giudizio alla fine, quello degli altri che ci spaventa, e il nostro che è ancora più feroce, e non consente indulgenze.
Confidenza è un libro che esplora gli angoli più bui dell’amore, “una lava di vita grezza che brucia vita fine”, dei legami che non possono mai essere pienamente sinceri per essere stabili, e dell’incertezza, come componente della propria vita: una continua e faticosa ricerca dell’accettazione di se stessi, e un compromesso con la propria voglia di affermazione.
“Diventare adulti – mi dissi – è di fatto rinunciare a essere perfetti”.

Recensione di Francesca Cingoli






Altre Informazioni

ISBN:

9788806243562

Condizione: Nuovo
Collana: SUPERCORALLI
Formato: Rilegato
Pagine Arabe: 142






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X