Almarina - Parrella Valeria | Libro Einaudi 04/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

parrella valeria - almarina

ALMARINA




Disponibilità: solo 5 copie disponibili, affrettati!

Se ordini entro 1 ora e 29 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
17,00 €
NICEPRICE
16,15 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Einaudi

Pubblicazione: 04/2019





Trama

Esiste un'isola nel Mediterraneo dove i ragazzi non scendono mai a mare. Ormeggiata come un vascello, Nisida è un carcere sull'acqua, ed è lì che Elisabetta Maiorano insegna matematica a un gruppo di giovani detenuti. Ha cinquant'anni, vive sola, e ogni giorno una guardia le apre il cancello chiudendo Napoli alle spalle: in quella piccola aula senza sbarre lei prova a imbastire il futuro. Ma in classe un giorno arriva Almarina, allora la luce cambia e illumina un nuovo orizzonte. Il labirinto inestricabile della burocrazia, i lutti inaspettati, le notti insonni, rivelano l'altra loro possibilità: essere un punto di partenza. Nella speranza che un giorno, quando questi ragazzi avranno scontato la loro pena, ci siano nuove pagine da riempire, bianche «come il bucato steso alle terrazze». Questo romanzo limpido e intenso forse è una piccola storia d'amore, forse una grande lezione sulla possibilità di non fermarsi. Di espiare, dimenticare, ricominciare. «Vederli andare via è la cosa più difficile, perché: dove andranno. Sono ancora così piccoli, e torneranno da dove sono venuti, e dove sono venuti è il motivo per cui stanno qui».




Recensione Libraio

“È questa, la staratura di Nisida: che quando entro mi devo continuamente ricollocare, riposizionarmi, guardarmi le spalle e dentro, e poi passare di livella sul giudizio”.
Ogni mattina Elisabetta Maiorano varca i cancelli del carcere minorile di Nisida, dove insegna matematica: per lei quel luogo di sbarre e reclusione è uno spazio sospeso, un mondo al contrario che come per Alice lascia fuori la realtà. Dipende da come ci passi da quella porta, quello ti può fare grande o piccola. Elisabetta lascia fuori la solitudine, il dolore di essere vedova troppo presto, vecchia a cinquant’anni, mai madre. Nisida è per lei uno spazio di libertà, dove essere altro, utile a quegli allievi così uguali a tutti gli altri, insofferenti nei banchi e scatenati in cortile.
Un giorno, gli occhi di Elisabetta che si sono abituati al suo buio, intravedono una luce, e la intravedono dove è più assurdo trovarla: negli occhi di Almarina, una ragazzina romena violata, con soprusi di ogni genere, dentro per un piccolo reato. E dentro Almarina è salva. Quei due sguardi si riconoscono, capiscono che la bruttezza lasciata fuori trova all’interno un riscatto. Elisabetta e Almarina, insegnante e allieva, si scelgono, nelle loro solitudini e nelle loro ferite, sedute su una panchina mentre gli altri si rincorrono sudati, loro due sono pari, una quasi madre e una quasi figlia.
Entrambe superstiti del mondo là fuori, la donna ormai vecchia e la ragazza cresciuta di colpo capiscono di appartenersi, di essere la speranza una dell’altra, per un nuovo inizio. Non tutto è facile, perché di fronte all’affetto c’è sempre la diffidenza altrui, ci sono i pregiudizi, e la praticità intrisa di burocrazia di chi decide di attenersi al proprio compito, con il giusto distacco, perché tutti non li si può salvare.
“Io mi metto a letto e penso che Almarina sta dormendo e mi addormento. E poi all’alba mi sveglio e penso che un giorno non la troverò più, come questi qua che non ho trovato più negli anni, e allora non dormirò più. E io non voglio morire di sonno, direttore”.
Elisabetta ha imparato a usare il setaccio nella vita, a ritrovarsi nelle mani solo le cose che valgono, a considerarle preziose, senza graduatorie: sa socchiudere un poco la porta per ascoltare l’altro, e quell’altro ha le fattezze di un’adolescente, a cui regalare un Natale, un vestito, una cena di schifezze, un vecchio film, lo smalto sulle unghie, insieme. Dopo questo non c’è più un ritorno, c’è solo il senso di un abbandono.
Elisabetta si impone, per questa occasione che è essere madre, di inventare un nuovo mondo, senza meraviglie, perché lei è stata Alice, ma è cresciuta e le porte che sa aprire sono quelle grigie degli uffici, dove affermare il suo coraggio e il suo diritto non alla maternità, ma all’amore stesso, alla possibilità di un termine diverso a cui aderire. L’amore non riconosce l’autorità.
“Perché ci vuole un sacco di tempo, o una poesia perfetta, per dire davvero le cose come stanno”.
In Almarina la vita si ridefinisce con la precisione di un compasso, che mette al centro la fragilità e la forza della speranza e la libertà di ricominciare, rialzandosi. Come il dolore chiede tempo per far crescere, l’amore si costruisce come un ponte tra il passato e il presente, dando all’esistenza la possibilità di ristabilire il proprio bilanciamento, pur negli scossoni delle tempeste, con una nuova rotta ancora da scrivere.
Lavora di cesello con le parole, Valeria Parrella, unica donna finalista al Premio Strega di quest’anno. La sua è una scrittura che esige attenzione, e restituisce cuore, catturando il lettore in pagine che sono un’emozione immediata, ruvida e delicata: dirette, semplici e terse, accarezzano ma fanno male.

Recensione di Francesca Cingoli



Note Editore

Finalista Premio Strega 2020




Autore

Valeria Parrella è nata nel 1974, vive a Napoli. Ha esordito con la raccolta di racconti mosca piú balena (minimum fax 2003). Per Einaudi ha pubblicato: Lo spazio bianco (2008, 2010 e 2018), da cui Francesca Comencini ha tratto l'omonimo film, Tre terzi (2009, insieme a Diego De Silva e Antonio Pascale), Lettera di dimissioni (2011), Antigone (2012), Tempo di imparare (2014), Ma quale amore (2014), Troppa importanza all'amore (2015) e Enciclopedia della donna. Aggiornamento (2017). Da anni si occupa della rubrica dei libri di «Grazia» e collabora con «la Repubblica».







Altre Informazioni

ISBN:

9788806230616

Condizione: Nuovo
Collana: SUPERCORALLI
Formato: Rilegato
Pagine Arabe: 124






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X