Alberi Che Camminano - De Luca Erri | Libro Feltrinelli 10/2015 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

de luca erri - alberi che camminano

ALBERI CHE CAMMINANO

de luca erri




Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


PREZZO
9,90 €
NICEPRICE
9,40 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Feltrinelli

Pubblicazione: 10/2015





Trama

L'albero è una figura opposta al movimento: dove nasce muore. Però esiste una seconda vita, che inizia quando smette di scorrere la linfa nei suoi vasi. È la vita del legno. Suo prodigio non è solo il fatto che brucia, offrendo con il fuoco il calore all'accampamento della specie umana. Sua maggiore virtù è che galleggia. Così è stato possibile imparare il mondo, che è liquido in gran parte. Il legno è diventato prua, timone, remo, issato come albero maestro ha sorretto la vela a catturare il vento. I boschi sono diventati flotte e hanno esplorato la geografia scrivendo il romanzo della terra. Ulisse, Sindbad, Magellano, Vasco De Gama, Cook sono saliti a bordo di alberi che camminano sul mare. Il primo bastimento descritto è l'immensa scialuppa di salvataggio costruita da Noè su commissione della divinità. Atterrò sulla cima di un monte, unendo l'alto e il basso come in nessun'altra impresa umana. Uno scrittore che con le sue pagine si sparge negli scaffali del mondo è in debito con gli alberi.




Note Editore

L'albero è un'immagine archetipica: la sua cima tocca il cielo e conosce chi lo occupa. Ma le sue radici affondano sottoterra e raccolgono l'umidità della vita. L'albero rispecchia la nostra natura contraddittoria, di sognatori e nomadi e di conservatori radicati sulla terra, cespugli che si contendono il suolo. L'albero è immagine di un percorso di crescita ed evoluzione attraverso il quale l'uomo ha dato corpo a una delle sue più profonde aspirazioni, il perenne rinnovarsi della vita. Le botteghe degli artigiani, le barche dei pescatori, le case dei boscaioli dove il legno viene trattato, suonato, accarezzato, e infine trasformato in altro, sono oasi di saggezza in cui si fondono i miti di naturalità e di vita serena dell'uomo contemporaneo. Come al cieco viene restituita la vista e quello che vede è "visione", così il film cerca di rendere visibile qualcosa che è nascosto: la vita segreta dell'albero e la seconda vita del legno. In un mondo saturo di artificialità è difficile recuperare la presenza della natura, essere catturati, presi dall'ammirazione, ma anche confortati, alla vista di un albero. Esistono persone che sono in grado di restituirci la vista, che hanno imparato dalla natura. L'albero assomiglia così a un boscaiolo, a un liutaio, a un artista, a un inventore, a un ingegnere navale, a un vecchio partigiano, che sanno trasformare il legno in imbarcazione, scultura, violino, carta, croce e monumento. Sono figure sagge, interpreti di uno sguardo sul mondo.




Autore

Erri De Luca è nato a Napoli nel 1950. Ha pubblicato con Feltrinelli: Non ora, non qui (1989), Una nuvola come tappeto (1991), Aceto, arcobaleno (1992), In alto a sinistra (1994), Alzaia (1997, 2004), Tu, mio (1998), Tre cavalli (1999), Montedidio (2001), Il contrario di uno (2003), Mestieri all'aria aperta. Pastori e pescatori nell'Antico e nel Nuovo Testamento (con Gennaro Matino; 2004), Solo andata. Righe che vanno troppo spesso a capo (2005), In nome della madre (2006), Almeno 5 (con Gennaro Matino; 2008), Il giorno prima della felicità (2009), E disse (2011), I pesci non chiudono gli occhi (2011), Il torto del soldato (2012), La doppia vita dei numeri (2012), Ti sembra il Caso? (con Paolo Sassone-Corsi; 2013), Storia di Irene (2013), La musica provata (2014; il libro nella collana "I Narratori", nella collana "Varia" il dvd del film), La parola contraria (2015) e, nella serie digitale "Zoom", Aiuto (2011), Il turno di notte lo fanno le stelle (2012) e Il pannello (2012).

Mattia Colombo, 1982, dopo la laurea presso l'Accademia di belle arti di Firenze, frequenta il master in Regia del documentario allo Ied di Venezia. Questo è uno dei suoi primi lungometraggi.








Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X