1861. I Pittori Del Risorgimento - Mazzocca F. (Curatore); Sisi C. (Curatore); Villari L. (Curatore) | Libro Skira 10/2010 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

mazzocca f. (curatore); sisi c. (curatore); villari l. (curatore) - 1861. i pittori del risorgimento

1861. I PITTORI DEL RISORGIMENTO Roma, Scuderie del Quirinale, 7 ottobre 2010 - 15 gennaio 2011<br />

; ;




Disponibilità: Normalmente disponibile in 10 giorni


PREZZO
€ 19,00
NICEPRICE
€ 16,15
SCONTO
15%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre € 29,00.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Skira

Pubblicazione: 10/2010





Trama

I due anni, dal 1859 al 1861, in cui l'Italia, divisa per secoli, è diventata una nazione, sono stati memorabili anche per la storia dell'arte, in particolare per la pittura, chiamata a testimoniare questa straordinaria vicenda. Artisti come Giovanni Fattori, il pittore soldato Gerolamo Induno, Federico Faruffini, Eleuterio Pagliano, Michele Cammarano s'impegnarono a narrare la dinamica e lo spirito delle celebri battaglie della Seconda guerra di indipendenza ma anche a rendere la passione che animò Garibaldi e le sue leggendarie Camicie rosse, trovando toni e forza espressiva originali e innovativi, in opere, prive di ogni retorica celebrativa, dove i veri protagonisti sono gli umili soldati, spesso travolti dalla storia. È ancora la vita del popolo a risaltare nei dipinti, in cui i macchiaioli Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani, ma anche i romantici lombardi Francesco Hayez, Domenico e Gerolamo Induno, o il siciliano Giuseppe Sciuti, hanno saputo rappresentare i riflessi di quegli eventi storici all'interno delle mura domestiche componendo l'altro volto del Risorgimento, quello intimo e privato, in capolavori unici per intensità emotiva o drammatico pathos. Il volume è il catalogo della mostra di Roma (Scuderie del Quirinale, 7 ottobre 2010 - 15 gennaio 2011).




Note Libraio

In occasione dell'appuntamento con le celebrazioni dell'unità d'Italia, le Scuderie del Quirinale presentano una grande mostra che racconta come la pittura italiana ha illustrato e interpretato gli eventi che, tra il 1859 e il 1861, hanno reso possibile la conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale. La mostra evidenzia come i protagonisti della pittura italiana - esponenti della scuola lombarda quali Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Domenico e Gerolamo Induno, Eleuterio Pagliano, Federico Faruffini, dell'avanguardia macchiaiola toscana come Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani e della scuola napoletana come Michele Cammarano e Giuseppe Sciuti - abbiano reinterpretato la realtà storica di quegli anni preferendo una commossa rappresentazione dell'adesione popolare rispetto a una celebrazione più tradizionale e retorica. Saranno messi a confronto per la prima volta, i monumentali dipinti di Giovanni Fattori e Gerolamo Induno, per mostrare come entrambi gli artisti, con linguaggi diversi, hanno ottenuto lo stesso obiettivo: rappresentare le fondamentali battaglie per la conquista dell'unità spostando l'attenzione dagli aspetti militari e celebrativi a quelli ideali e popolari. Così in mostra sarà possibile vedere il famoso La Battaglia della Cernaia di Gerolamo Induno che partecipò personalmente alla Guerra di Crimea e alla nota battaglia. Tra i più conosciuti artisti dell'epoca, Giovanni Fattori, invece, non partecipò direttamente alla seconda guerra d'indipendenza, ma ha saputo rendere, forse più di tutti, la dimensione epica e umanitaria degli eventi. I lombardi Eleuterio Pagliano e Federico Faruffini, come il napoletano Michele Cammarano, si sono avvalsi del confronto con la fotografia per realizzare opere rivoluzionarie e realistiche che anticiparono e ispirarono l'immaginario cinematografico di registi come Blasetti e Visconti che proprio al Risorgimento hanno dedicato alcuni loro capolavori.
In mostra anche le opere di Hayez, Molteni, Induno che raccontano la partecipazione popolare aiIn occasione dell'appuntamento con le celebrazioni dell'unità d'Italia, le Scuderie del Quirinale presentano una grande mostra che racconta come la pittura italiana ha illustrato e interpretato gli eventi che, tra il 1859 e il 1861, hanno reso possibile la conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale. La mostra evidenzia come i protagonisti della pittura italiana - esponenti della scuola lombarda quali Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Domenico e Gerolamo Induno, Eleuterio Pagliano, Federico Faruffini, dell'avanguardia macchiaiola toscana come Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani e della scuola napoletana come Michele Cammarano e Giuseppe Sciuti - abbiano reinterpretato la realtà storica di quegli anni preferendo una commossa rappresentazione dell'adesione popolare rispetto a una celebrazione più tradizionale e retorica. Saranno messi a confronto per la prima volta, i monumentali dipinti di Giovanni Fattori e Gerolamo Induno, per mostrare come entrambi gli artisti, con linguaggi diversi, hanno ottenuto lo stesso obiettivo: rappresentare le fondamentali battaglie per la conquista dell'unità spostando l'attenzione dagli aspetti militari e celebrativi a quelli ideali e popolari. Così in mostra sarà possibile vedere il famoso La Battaglia della Cernaia di Gerolamo Induno che partecipò personalmente alla Guerra di Crimea e alla nota battaglia. Tra i più conosciuti artisti dell'epoca, Giovanni Fattori, invece, non partecipò direttamente alla seconda guerra d'indipendenza, ma ha saputo rendere, forse più di tutti, la dimensione epica e umanitaria degli eventi. I lombardi Eleuterio Pagliano e Federico Faruffini, come il napoletano Michele Cammarano, si sono avvalsi del confronto con la fotografia per realizzare opere rivoluzionarie e realistiche che anticiparono e ispirarono l'immaginario cinematografico di registi come Blasetti e Visconti che proprio al Risorgimento hanno dedicato alcuni loro capolavori.
In mostra anche le opere di Hayez, Molteni, Induno che raccontano la partecipazione popolare aiIn occasione dell'appuntamento con le celebrazioni dell'unità d'Italia, le Scuderie del Quirinale presentano una grande mostra che racconta come la pittura italiana ha illustrato e interpretato gli eventi che, tra il 1859 e il 1861, hanno reso possibile la conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale. La mostra evidenzia come i protagonisti della pittura italiana - esponenti della scuola lombarda quali Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Domenico e Gerolamo Induno, Eleuterio Pagliano, Federico Faruffini, dell'avanguardia macchiaiola toscana come Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani e della scuola napoletana come Michele Cammarano e Giuseppe Sciuti - abbiano reinterpretato la realtà storica di quegli anni preferendo una commossa rappresentazione dell'adesione popolare rispetto a una celebrazione più tradizionale e retorica. Saranno messi a confronto per la prima volta, i monumentali dipinti di Giovanni Fattori e Gerolamo Induno, per mostrare come entrambi gli artisti, con linguaggi diversi, hanno ottenuto lo stesso obiettivo: rappresentare le fondamentali battaglie per la conquista dell'unità spostando l'attenzione dagli aspetti militari e celebrativi a quelli ideali e popolari. Così in mostra sarà possibile vedere il famoso La Battaglia della Cernaia di Gerolamo Induno che partecipò personalmente alla Guerra di Crimea e alla nota battaglia. Tra i più conosciuti artisti dell'epoca, Giovanni Fattori, invece, non partecipò direttamente alla seconda guerra d'indipendenza, ma ha saputo rendere, forse più di tutti, la dimensione epica e umanitaria degli eventi. I lombardi Eleuterio Pagliano e Federico Faruffini, come il napoletano Michele Cammarano, si sono avvalsi del confronto con la fotografia per realizzare opere rivoluzionarie e realistiche che anticiparono e ispirarono l'immaginario cinematografico di registi come Blasetti e Visconti che proprio al Risorgimento hanno dedicato alcuni loro capolavori.
In mostra anche le opere di Hayez, Molteni, Induno che raccontano la partecipazione popolare ai







Altre Informazioni

ISBN:

9788857207858

Condizione: Nuovo
Collana: ARTE MODERNA
Formato: Libro rilegato
Pagine Arabe: 192






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X