Vorrei... Storia Di Una Vita Normale Fra Immagini E Parole - Di Dio Umberto | Libro Kimerik 01/2015 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

di dio umberto - vorrei... storia di una vita normale fra immagini e parole

Vorrei... Storia di una vita normale fra immagini e parole




Disponibilità: Normalmente disponibile in 10 giorni


PREZZO
15,00 €
NICEPRICE
14,25 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Kimerik

Pubblicazione: 01/2015





Note Editore

Dapprima ad uso familiare, rivolgendosi ai nipoti, poi per una cerchia più vasta, perchè chi c'era non dimentichi e chi non c'era sappia, Umberto Di Dio continua a raccogliere spigolature di memoria: piccola memoria personale che diventa sapore di un'epoca scomparsa. Aveva cominciato con Il Tomeschino e Regalbuto al tempo di Carmelo: esordio a 72 anni, per radunare e trasmettere i ricordi di un'infanzia ormai lontana dal paese natale, Regalbuto appunto, mimando l'incanto per la grande e perduta narrazione popolare (il Tomeschino del titolo è il Guerin Meschino nella deformazione illetterata ma potente del cantastorie o anzi cuntastorie Carmelo, che stregava quei bambini degli anni Quaranta). Può oggi un nonno farsi cuntastorie per i suoi nipoti, può chi ha vissuto suoi cari "un'impronta, anche piccola piccola", come Umberto Di Dio si prefigge in apertura del suo nuovo volume intitolato Vorrei...? Il sottotitolo, Storia di una vita normale tra immagini e parole, dice molto. C'è lo sforzo iconografico, con fotografie seppiate di famiglia, cartoline d'epoca, e illustrazioni disegnate a corredo del testo per ricostruire fattezze remote. Ci sono ovviamente le parole, che alternano ricordi personali al catalogo di luoghi, oggetti, personaggi che non esistono più. In ordine sparso: le feste popolari (a 'ntinna, la corsa nei sacchi), i gesti perduti come la sbucciatura collettiva delle mandorle, i sapori e gli odori ma più ritrovati, le vergogne infantili e le infantili sfrenatezze, le figure strampalate e vive della Catania degli anni Cinquanta e Sessanta (citiamo fra tutti Pippu pirnacchiu), gli incontri e gli affetti, le classiche "piccole cose senza importanza" che sono però, ovviamente e giustamente, importantissime per chi le ha vissute. Ecco infatti, sempre nel sottotitolo, quella "vita normale" che però ambisce a farsi storia. Nel segno di un Vorrei... (vorrei sentire ancora quei sapori di mezzo secolo fa, vorrei rivedere i morti, vorrei rivivere la potenza delle emozioni, vorrei tornare indietro nel tempo) consapevole di essere meno che ipotetico. Valga, a consolazione di tanta nostalgia, quella vecchia frase di Faulkner: "il passato non è affatto morto, anzi non è nemmeno passato".




Autore

È nato a Regalbuto (Enna) il 22 Novembre del 1937. A Catania ha compiuto gli studi classici. Fino al 2000 ha fatto l'imprenditore. In tarda età ha cominciato a scrivere. Nel 2010 ha pubblicato Il Tomeschino - Regabulto al tempo di Carmelo con la Casa Editrice: Città aperta Edizioni.







Altre Informazioni

ISBN:

9788868843106

Condizione: Nuovo
Collana: Kalendae
Pagine Arabe: 184






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X