La Societa' Punitiva - Foucault Michel | Libro Feltrinelli 03/2016 - HOEPLI.it
foucault michel - la societa' punitiva
  • image
    SPEDIZIONE GRATUITA

LA SOCIETA' PUNITIVA

35,00 €
33,25 €

Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


AGGIUNGI AL CARRELLO
NOTE EDITORE
La società punitiva è un corso chiave nell'itinerario di Michel Foucault. Per la prima volta, in queste pagine, possiamo toccare con mano la straordinaria documentazione da cui prenderanno vita alcuni dei suoi libri più celebri e delle sue intuizioni più precorritrici. Possiamo ascoltare la viva voce di Foucault dipanare, nel corso di lezioni che sono state un vero e proprio evento pubblico e intellettuale, la storia delle teorie e delle istituzioni penali degli ultimi due secoli: ed ecco che il patibolo, le prigioni, i lavori forzati, le torture più feroci o l'isolamento più ovattato diventano lo specchio di ciò che l'Europa del Sette-Ottocento ha voluto essere. In quello specchio multiforme vediamo prendere forma decisioni epocali circa i rapporti tra soggetto e potere, legalità e illegalità, felicità e infelicità. Fino ad arrivare all'altro capo di questa storia minuta e affascinante, dove vediamo emergere per indizi sempre più chiari il volto dei nostri contemporanei, alle prese con città sorvegliate da onnipresenti telecamere e luoghi di consumo che registrano senza sosta ogni acquisto, preferenza, curiosità o distrazione. È il nuovo paradigma di potere, che si impone dopo il potere sovrano (il potere di dare la morte) e dopo il potere disciplinare (il potere di amministrare la vita), che Foucault battezzerà biopotere e che a trent'anni di distanza è unanimemente riconosciuto come la chiave di volta delle nostre società e dei suoi dispositivi di controllo.
TRAMA
Supplizi capitali, deportazioni spietate, ovattati isolamenti. In questo corso, uno dei più importanti del suo insegnamento al Collège de France, Michel Foucault si interroga sul significato delle punizioni che l'Europa, nel corso dei secoli, ha predisposto per chi trasgrediva la legge e incorreva nelle sue sanzioni. Per la prima volta possiamo toccare con mano la documentazione da cui Foucault ricaverà le sue celebri analisi sul potere sovrano, sul potere disciplinare e sul paradigma biopolitico. Ed ecco che il patibolo, le prigioni, i lavori forzati, le torture più feroci, l'isolamento più silenzioso diventano lo specchio di ciò che l'Europa è stata ed è diventata nel corso dei secoli. C'è stato il tempo della punizione spettacolare e granguignolesca e quello della pena silenziosa e sottratta agli sguardi, il tempo del potere che inscena la sua magnificenza e quello del potere che si nasconde, il tempo del potere che dà la morte e quello del potere che amministra minuziosamente la vita dei cittadini. In questo specchio straniante vediamo prendere forma decisioni epocali circa i rapporti tra soggetto e potere, legalità e illegalità, ordine e disordine. Sullo sfondo di queste pagine, un'ipotesi finora meno evidente nell'itinerario foucaultiano: che la guerra civile non costituisca affatto una condizione eccezionale per le nostre società, ma sia lo stato normale, la materia sottostante, la stoffa eterna di cui è fatto il potere.
ALTRE INFORMAZIONI
  • Condizione: Nuovo
  • ISBN: 9788807105166
  • Collana: CAMPI DEL SAPERE
  • Formato: Brossura
  • Pagine Arabe: 375