Massime Morali - La Rochefoucauld Francois De | Libro Feltrinelli 09/2014 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro
ARGOMENTO:  LIBRI > FILOSOFIA

la rochefoucauld francois de - massime morali

MASSIME MORALI




Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


PREZZO
13,00 €
NICEPRICE
12,35 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Feltrinelli

Pubblicazione: 09/2014





Note Editore

Il 2 luglio 1651 Turenne, il comandante delle truppe fedeli al re, intercetta un esercito frondista guidato dal principe di Condé nei pressi del Faubourg Saint-Antoine. Mentre si accendono furiosi combattimenti corpo a corpo, il duca di La Rochefoucauld, fedelissimo del Condé, combatte valorosamente a difesa di una barricata pur in netta inferiorità numerica. Durante le fasi concitate dello scontro un colpo di moschetto lo raggiunge in pieno volto: il proiettile penetra sotto un occhio per fuoriuscire dall'altro. Secondo una diffusa linea interpretativa questo episodio rappresenta il momento cruciale nella vita del duca: La Rochefoucauld da allora avrebbe deposto le armi. Molto letti e consultati, gli aforismi del filosofo francese sono tra i libri preferiti da Madame de Maintenon, l'ultima amante di Luigi xiv, e da Cristina di Svezia che ne scriverà interessanti commenti. Nel Settecento le Massime consolidano la loro fama; celebre il giudizio di Voltaire: "Una tra le opere che più contribuì a formare il gusto della nazione e a darle uno spirito di giustezza e di precisione, fu la piccola raccolta delle Maximes. Benché quel libro ripeta quasi sempre la stessa verità, e cioè che 'l'amor proprio è il movente di ogni azione', pure quel pensiero assume tanti diversi aspetti da risultarne nuovo e imprevisto". Questo libro, uscito anonimo nella prima edizione, appare segnato da un profondo pessimismo, per quanto poco sistematico, ma radicato: un testo scandaloso, che ha fatto uno "scempio delle virtù" e una "strage delle illusioni".




Prefazione

Scritte con un linguaggio elegante e chiaro, le Massime morali leggono ogni azione dell'uomo come animata dall'amor proprio e dall'utilitarismo. Un libro cruciale nel pensiero europeo, ora riproposto in una nuova traduzione e con un ricco apparato interpretativo.




Trama

Il 2 luglio 1652 Turenne, il comandante delle truppe fedeli al re di Francia, intercetta un esercito frondista guidato dal principe di Condé nei pressi del Faubourg Saint-Antoine. Durante le fasi concitate dello scontro, un colpo di moschetto raggiunge il duca di La Rochefoucauld alla testa: il proiettile penetra sotto un occhio per fuoriuscire dall'altro. Secondo una diffusa linea interpretativa, questo episodio rappresenta il momento cruciale nella vita del duca: La Rochefoucauld da allora avrebbe deposto le armi per dedicarsi alla vita letteraria. Molto letti e consultati, gli aforismi del filosofo francese sono tra i libri preferiti da Madame de Maintenon, l'ultima amante di Luigi XIV, e da Cristina di Svezia, che ne scriverà interessanti commenti. Nel Settecento le "Massime" consolidano la loro fama; celebre il giudizio di Voltaire: "Una tra le opere che più contribuì a formare il gusto della nazione e a darle uno spirito di giustezza e di precisione. Benché quel libro ripeta quasi sempre la stessa verità, e cioè che 'l'amor proprio è il movente di ogni azione', pure quel pensiero assume tanti diversi aspetti da risultarne nuovo e imprevisto". Questo libro, uscito anonimo nella prima edizione, appare segnato da un profondo pessimismo, per quanto poco sistematico: un testo scandaloso, che ha fatto "scempio delle virtù" e "strage delle illusioni".




Autore

François duca di La Rochefoucauld (Parigi, 1613-1680) è stato uomo d'armi e di corte. Aderì al movimento della Fronda contro il cardinale Richelieu. Dopo il fallimento del movimento si dedicò alla vita mondana, partecipando ai più importanti salotti letterari dell'epoca. Le Massime morali sono del 1678 e sono unanimemente considerate il suo capolavoro.
Frédéric Ieva (Torino, 1970) è traduttore di narrativa e saggistica e consulente editoriale per diverse case editrici. Studioso dell'età moderna, è autore (insieme con Giuseppe Ricuperati) di un Manuale di storia moderna (2012) e si occupa in particolare di Seicento francese. Per i "Classici" Feltrinelli ha curato Cime tempestose di Emily Brontë (2012).







Altre Informazioni

ISBN:

9788807901553

Condizione: Nuovo
Collana: UNIVERSALE ECONOMICA. I CLASSICI
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 365






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X