home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

keyserling eduard von; tateo g. (curatore) - la sera sulle case

LA SERA SULLE CASE

;




Disponibilità: solo 3 copie disponibili, affrettati!

Se ordini entro 20 ore e 57 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
18,00 €
NICEPRICE
17,10 €
SCONTO
5%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

L'orma

Pubblicazione: 01/2022





Trama

La giovane baronessa Fastrade von der Warthe torna nel castello di famiglia per accudire il padre. Ritrova così il mondo dell'infanzia e gli innevati scenari del Baltico, ma anche l'atmosfera di immobilità in cui vive un'aristocrazia ormai fuori dal tempo che si ostina a sottrarsi a ogni innovazione. L'incontro con il famigerato Dietz von Egloff - inquieto rampollo che sperpera al tavolo da gioco le ricchezze del proprio casato - spingerà la ragazza a una scelta inaspettata... A pochi mesi dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "La sera sulle case" mette in scena il conflitto generazionale tra la gaudente rassegnazione dei padri e la vana ribellione dei figli, coniugando in un perfetto equilibrio formale tragedia e ironia, melanconia e levità, dialoghi serrati e descrizioni suggestive. Capace di schizzare folgoranti miniature, ma anche di abbandonarsi a paesaggi accesi di mille colori, Eduard von Keyserling compone un romanzo corale, denso di triangoli amorosi, duelli e ardori mai sopiti.




Recensione Libraio

«Dio mio,» pensò Fastrade «qui si vive come se da un momento all'altro dovessimo svegliarci, e solo allora cominciare a confrontarci con la realtà».

 

Preziosa e raffinata riscoperta, La sera sulle case è un romanzo del 1914 felicemente proposto da L’orma editore. Opera di Eduard von Keyserling, maestro del primo Novecento tedesco, mette in scena un mondo aristocratico su cui si addensano già le ombre della sera, i segni di un tramonto inevitabile. È un mondo che l’autore conosceva bene, e che qui ritrae con un realismo psicologico attento e sensibile: logiche sociali, privilegi e riti che vanno scomparendo inesorabilmente, ma che si conservano ancora nella vita immutata della generazione dei padri.

Da una parte ci sono loro, i vecchi, arroccati sulle loro abitudini, sulle tradizioni sempre uguali, sui ruoli cristallizzati in un divenire senza tempo, fermo e impolverato. Dall’altra ci sono i giovani, che sono assetati di vita, irruenti, insofferenti della logica di castello, ma al contempo incapaci di costruire delle vere alternative all’immobilismo.

Uno scontro tra generazioni che si compie su una staticità umana malinconica, che l’autore trasferisce con maestria nella natura del Baltico, muta, innevata, gelida.

Quando la giovane baronessa Fastrade von der Warthe fa ritorno a casa, nel castello di Paduren, per prendersi cura del padre malato, trova un’atmosfera opprimente, che le toglie il fiato. Lei, che ha vissuto la frenesia di giornate da infermiera, i palpiti di un amore sfortunato, la libertà, si trova a dover rivestire i panni che non le appartengono, ad abbassare la voce, a muoversi lenta in giornate fatte di consuetudini sempre uguali, “dove ogni cosa ha la sua forma”.

 

“Tutto era rimasto al suo posto, nulla era mutato, eppure ogni cosa le appariva più pallida, più scolorita dell'immagine che ne aveva serbato nella memoria per tutto quel tempo, il rivestimento in legno sembrava più scuro, la seta dei mobili più sciupata, i cristalli del lampadario meno trasparenti.”

 

Sembra quasi un sollievo il fidanzamento con Dietz von Egloff, amico di infanzia, rampollo del castello di Sirow, giocatore e imprudente, inquieto nella sua ricerca di vita. Le corse in slitta, le passeggiate nella foresta, gli abbracci nel capanno di caccia, le quadriglie ballate sul ghiaccio alla luce limpida della luna contrappongono alla rassegnazione claustrofobica dei castelli una natura di bellezza abbagliante, spazi di paesaggi luminosi e suggestivi come contraltare di ambienti bui e asfissianti.

Reimmergersi nel mondo della sua infanzia è per Fastrade un misto di sentimenti, che accolgono anche il sarcasmo di Dietz, la resa dell’amica Gertrud che aveva vissuto un momento di vitalità espressiva e si ritrova fragile di nervi e spenta nel cuore.

 

«Qui ci si mette a tavola con degli spettri».

 

L’accettazione della decadenza del proprio mondo, è resa da Eduard von Keyserling con una narrazione aristocratica che non cerca pomposità e superfluo, ma è limpida e sobria nel raccontare ambienti e paesaggi baltici con un’affezione rasserenata. Il suo Padri e figli è fine nell’analisi della complessità psicologica dei protagonisti, teatrale nella rappresentazione della chiusa vita dei castelli, affascinante quando racconta la natura vibrante, efficace nel definire il dilemma amoroso di Fastrade, incapace di separare l’amore dall’assistenza, che la porta a scelte in apparenza insensate, come l’irrequieto e vizioso Dietz.

La vita come attesa di qualcosa che cambi il corso del tempo, lo inganni: la prospettiva dei giovani è ridicola e lo scenario in cui si agitano è immobile e in penombra. La ricerca di un altrove è rappresentato dalla città, dal lavoro, per alcuni dall’arte, ma al desiderio di vita prevale la sottomissione a un mondo in cui si cresce destinati a diventare un’istituzione, all’ombra di vecchi ampollosi e “predicozzi”.

 

La sera sulle case è davvero un elegante dramma della decadenza, dove sono ancora i duelli a riportare un ordine sociale, artificiale ma tollerabile. Sogno e ribellione non possono fare altro che lasciare spazio all’accettazione del proprio ruolo, un posto alla tavola delle convenzioni, ognuno seduto tranquillo, composto, fino al termine dei suoi giorni.

 

«Sì, bambina mia,» replicò la baronessa «non abbiamo nient'altro da fare che starcene seduti e aspettare che una cosa dopo l'altra venga giù sgretolandosi.»



Recensione di Francesca C.









Altre Informazioni

ISBN:

9788831312905

Condizione: Nuovo
Collana: KREUZVILLE ALEPH
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 160


Dicono di noi