Il Design Che Prima Non C'era - De Fusco Renato | Libro Franco Angeli 04/2008 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

de fusco renato - il design che prima non c'era

IL DESIGN CHE PRIMA NON C'ERA


5 stelle su 5 1 recensioni presenti


Attenzione: Causa chiusura distributori, la spedizione di questo libro potrà avvenire a partire dal 26 agosto 2021.


PREZZO
21,00 €



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Franco Angeli

Pubblicazione: 04/2008








i libri che interessano a chi ha i tuoi gusti





Altre Informazioni

ISBN:

9788846490582

Condizione: Nuovo
Collana: ADI ASSOCIAZIONE PER IL DISEGNO INDUSTRIALE
Pagine Arabe: 120





I vostri commenti al Libro

1 recensioni presenti.

16/05/2008 Di umberto
5 stelle su 5

L'autore propone una chiave di lettura del nuovo design italiano volta - oltre a smentire «una serie di esagerazioni, luoghi comuni, congetture varie» - a realizzare una «accurata esegesi» d'impronta strutturalista di questo «nuovo genere di design». In grado cioè di definire e cogliere le invarianti di un fenomeno creativo teso ad evitare di riproporre tipologie consuete e molto più versato nella "invenzione" di nuovi prodotti e tipologie produttive. Il pregio del lavoro è - come nota lo stesso autore nell'introduzione - che «il design che prima non c'era, vale soprattutto appunto come fatto di scuola per essere un'esperienza concettuale, ovvero riconducibile a concetti com'è necessario per lo studio di una disciplina. Infatti, il mio saggio più che una raccolta monografica di singoli autori o descrizione storico-critica del design più recente, intende essere una messa in evidenza dei suoi lati più problematici e adatti alla funzione di insegnamento-apprendimento». Singolare esempio di "servizio" critico mirato ad offrire la propria competenza in un ambito assai dinamico e ricco - in cui però sovente accade di percepire più "falsi movimenti" che reali e comprensibili avanzamenti - il volume tenta quindi di «tradurre tutta questa ricchezza di temi e problemi in concetti, categorie, famiglie morfologiche, tipologie sui generis, ecc., ossia cose che costituiscono la materia prima delle scuole di design. In altri temini lo studio del "design che prima non c'era" - così diverso dalla tradizione e dalle stesse teorizzazioni contemporanee, tanto povero quanto ricco di intenti e potenzialità - è stato, per così dire, concettualizzato, affinché diventasse materia d'insegnamento». In sintesi, dunque, uno strumento diretto alla comprensione e "consapevolezza" progettuale che aprendo nuove ed interessanti vie di "senso" al design risulterà utilissimo sia ai discenti che ai docenti delle numerose scuole presenti sul territorio nazionale.







Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X