Fluxus. Una Rivoluzione Creativa 1962-2012 - D'avossa Antonio; Ossanna Cavadini Nicoletta | Libro Skira 05/2012 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

d'avossa antonio; ossanna cavadini nicoletta - fluxus. una rivoluzione creativa 1962-2012

FLUXUS. UNA RIVOLUZIONE CREATIVA 1962-2012 Chiasso, M.A.X. Museo, 20 Aprile - 22 Luglio 2012

;




Disponibilità: Non disponibile o esaurito presso l'editore


PREZZO
49,00 €



Questo prodotto usufruisce delle SPEDIZIONI GRATIS
selezionando l'opzione Corriere Veloce in fase di ordine.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Spese Gratis

Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Skira

Pubblicazione: 05/2012





Note Libraio

Fluxus. Una rivoluzione creativa 1962-2012 celebra i cinquant'anni della nascita del movimento neo-dadaista sorto nei primi anni sessanta che si sviluppò in parallelo, e spesso in contrapposizione, alla pop art, al minimalismo negli Stati Uniti e al Nouveau Réalisme in Europa, segnando profondamente l'arte e la comunicazione.
Il volume approfondisce in particolar modo la ricerca di Fluxus sull'arte grafica, settore cui il movimento diede grande importanza realizzando studi ed elaborati che costituiscono le basi della comunicazione visiva contemporanea.
Il termine "Fluxus" fu coniato nel 1961 da George Maciunas (1931-1978), architetto, grafico ed artista di origine lituana emigrato a New York nel 1948. Maciunas affermò di aver trovato il nome - dal latino fluire, scorrere - ficcando un coltello in un dizionario, gesto plateale di derivazione dadaista.
Nel 1962, anno ufficiale della nascita, avvenuta in Germania nella città di Wiesbaden con la prima manifestazione di eventi e performances, il movimento registrò la partecipazione di numerosi artisti provenienti dagli U.S.A dalla Germania, dal Giappone, dalla Korea, dalla Francia, dalla Danimarca e dall'Italia. L'internazionalizzazione di Fluxus fu immediata, ed alle prime manifestazioni in Germania e negli Stati Uniti parteciparono George Brecht, Yoko Ono, Robert Watts, Dick Higgins, Ben Vautier, Alison Knowles, Ben Patterson, Giuseppe Chiari, Eric Andersen, Philip Corner, Wolf Wostell, Joseph Beuys, Larry Miller, Ay-O, Mieko Shiomi, Takako Saito, Robert Filliou, Ken Friedman, Al Hansen, Geoffrey Hendricks, Joe Jones, Milan Knizak, Shigeko Kubota, Emmet Williams, La Monte Young e moltissimi altri, tanto che Fluxus può essere considerato come una complessa galassia piuttosto che un movimento o un gruppo definito e chiuso.
Fortemente influenzato dalle pratiche del riuso dell'oggetto espresse da Marcel Duchamp, soprattutto nella pratica del "ready made" e dalle teorie musicali del compositore John Cage che dell'indeterminazione del caso fece regola, Fluxus assunse quFluxus. Una rivoluzione creativa 1962-2012 celebra i cinquant'anni della nascita del movimento neo-dadaista sorto nei primi anni sessanta che si sviluppò in parallelo, e spesso in contrapposizione, alla pop art, al minimalismo negli Stati Uniti e al Nouveau Réalisme in Europa, segnando profondamente l'arte e la comunicazione.
Il volume approfondisce in particolar modo la ricerca di Fluxus sull'arte grafica, settore cui il movimento diede grande importanza realizzando studi ed elaborati che costituiscono le basi della comunicazione visiva contemporanea.
Il termine "Fluxus" fu coniato nel 1961 da George Maciunas (1931-1978), architetto, grafico ed artista di origine lituana emigrato a New York nel 1948. Maciunas affermò di aver trovato il nome - dal latino fluire, scorrere - ficcando un coltello in un dizionario, gesto plateale di derivazione dadaista.
Nel 1962, anno ufficiale della nascita, avvenuta in Germania nella città di Wiesbaden con la prima manifestazione di eventi e performances, il movimento registrò la partecipazione di numerosi artisti provenienti dagli U.S.A dalla Germania, dal Giappone, dalla Korea, dalla Francia, dalla Danimarca e dall'Italia. L'internazionalizzazione di Fluxus fu immediata, ed alle prime manifestazioni in Germania e negli Stati Uniti parteciparono George Brecht, Yoko Ono, Robert Watts, Dick Higgins, Ben Vautier, Alison Knowles, Ben Patterson, Giuseppe Chiari, Eric Andersen, Philip Corner, Wolf Wostell, Joseph Beuys, Larry Miller, Ay-O, Mieko Shiomi, Takako Saito, Robert Filliou, Ken Friedman, Al Hansen, Geoffrey Hendricks, Joe Jones, Milan Knizak, Shigeko Kubota, Emmet Williams, La Monte Young e moltissimi altri, tanto che Fluxus può essere considerato come una complessa galassia piuttosto che un movimento o un gruppo definito e chiuso.
Fortemente influenzato dalle pratiche del riuso dell'oggetto espresse da Marcel Duchamp, soprattutto nella pratica del "ready made" e dalle teorie musicali del compositore John Cage che dell'indeterminazione del caso fece regola, Fluxus assunse quFluxus. Una rivoluzione creativa 1962-2012 celebra i cinquant'anni della nascita del movimento neo-dadaista sorto nei primi anni sessanta che si sviluppò in parallelo, e spesso in contrapposizione, alla pop art, al minimalismo negli Stati Uniti e al Nouveau Réalisme in Europa, segnando profondamente l'arte e la comunicazione.
Il volume approfondisce in particolar modo la ricerca di Fluxus sull'arte grafica, settore cui il movimento diede grande importanza realizzando studi ed elaborati che costituiscono le basi della comunicazione visiva contemporanea.
Il termine "Fluxus" fu coniato nel 1961 da George Maciunas (1931-1978), architetto, grafico ed artista di origine lituana emigrato a New York nel 1948. Maciunas affermò di aver trovato il nome - dal latino fluire, scorrere - ficcando un coltello in un dizionario, gesto plateale di derivazione dadaista.
Nel 1962, anno ufficiale della nascita, avvenuta in Germania nella città di Wiesbaden con la prima manifestazione di eventi e performances, il movimento registrò la partecipazione di numerosi artisti provenienti dagli U.S.A dalla Germania, dal Giappone, dalla Korea, dalla Francia, dalla Danimarca e dall'Italia. L'internazionalizzazione di Fluxus fu immediata, ed alle prime manifestazioni in Germania e negli Stati Uniti parteciparono George Brecht, Yoko Ono, Robert Watts, Dick Higgins, Ben Vautier, Alison Knowles, Ben Patterson, Giuseppe Chiari, Eric Andersen, Philip Corner, Wolf Wostell, Joseph Beuys, Larry Miller, Ay-O, Mieko Shiomi, Takako Saito, Robert Filliou, Ken Friedman, Al Hansen, Geoffrey Hendricks, Joe Jones, Milan Knizak, Shigeko Kubota, Emmet Williams, La Monte Young e moltissimi altri, tanto che Fluxus può essere considerato come una complessa galassia piuttosto che un movimento o un gruppo definito e chiuso.
Fortemente influenzato dalle pratiche del riuso dell'oggetto espresse da Marcel Duchamp, soprattutto nella pratica del "ready made" e dalle teorie musicali del compositore John Cage che dell'indeterminazione del caso fece regola, Fluxus assunse qu







Altre Informazioni

ISBN:

9788857215501

Condizione: Nuovo
Collana: ARTE MODERNA. CATALOGHI






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X