Bizhan Bassiri. La Caduta Delle Meteoriti - Cora' Bruno | Libro Skira 08/2011 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

cora' bruno - bizhan bassiri. la caduta delle meteoriti

BIZHAN BASSIRI. LA CADUTA DELLE METEORITI Venezia, Museo Archeologico Nazionale: 1 giugno - 27 novembre 2011. Testo italiano e inglese<br />




Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


PREZZO
45,00 €
NICEPRICE
38,25 €
SCONTO
15%



Questo prodotto usufruisce delle SPEDIZIONI GRATIS
selezionando l'opzione Corriere Veloce in fase di ordine.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Spese Gratis

Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Skira

Pubblicazione: 08/2011





Note Libraio

Pubblicata in occasione della personale dello scultore Bizhan Bassiri, la monografia presenta il complesso di opere che costituisce il ciclo plastico La caduta delle Meteoriti, un nutrito corpus di opere che giungono a rendere emblematica, dopo circa trent'anni di lavoro, la propria concezione plastica, orientata sin dagli esordi avvenuti a Roma, a partire dall'inizio degli anni Ottanta, dal Pensiero magmatico (1984) e dal Manifesto teorico del Pensiero Magmatico (1986). L'avvio del lavoro plastico di Bassiri trae origine da un'autentica illuminazione suscitata nell'artista dall'identificazione tra il processo intuitivo per l'elaborazione trasformativa della materia e la costante incipienza dell'attività vulcanica presente nel pianeta. Sul Vesuvio nel 1979 riceve una forte impressione alla vista del cratere. Da quell'istante, nella mente dell'artista, il binomio eruzione-intuizione si fondeva in un unico concetto che è diventato il principio generativo di tutto il suo lavoro.
Il ciclo di opere La caduta delle Meteoriti ha origine da alcune creazioni effettuate a cielo aperto intorno al proprio studio in Toscana, nelle 'terre senesi', ove a brulle colline lunari si alternano verdi valli rigogliose. L'imponente gruppo di opere in bronzo che ha costituito la base di mostre effettuate nella cattedrale di San Bavo e presso lo Stedelijk Museum voor Actuele Kunst di Gent (Belgio), nella Galleria dell'Accademia di Firenze, presso la Fondazione Palazzo Strozzi e presso l'Osservatorio astrofisico di Arcetri di Firenze, nell'Acquario di Roma e in Piazza San Lorenzo in Lucina sempre a Roma e in altri luoghi, trova ora sede tra i marmi greci e romani, tra i rilievi e le iscrizioni, tra i busti e i ritratti antichi, nonché tra le antichità egizie e del vicino Oriente del Museo Nazionale Archeologico di Venezia.
Con uno specifico progetto critico che radicalizza la presenza dell'opera di Bassiri, quasi esclusivamente costituita da elaborati in acciaio e bronzo con patine nere, di fronte a importanti esempi di scultura antica Pubblicata in occasione della personale dello scultore Bizhan Bassiri, la monografia presenta il complesso di opere che costituisce il ciclo plastico La caduta delle Meteoriti, un nutrito corpus di opere che giungono a rendere emblematica, dopo circa trent'anni di lavoro, la propria concezione plastica, orientata sin dagli esordi avvenuti a Roma, a partire dall'inizio degli anni Ottanta, dal Pensiero magmatico (1984) e dal Manifesto teorico del Pensiero Magmatico (1986). L'avvio del lavoro plastico di Bassiri trae origine da un'autentica illuminazione suscitata nell'artista dall'identificazione tra il processo intuitivo per l'elaborazione trasformativa della materia e la costante incipienza dell'attività vulcanica presente nel pianeta. Sul Vesuvio nel 1979 riceve una forte impressione alla vista del cratere. Da quell'istante, nella mente dell'artista, il binomio eruzione-intuizione si fondeva in un unico concetto che è diventato il principio generativo di tutto il suo lavoro.
Il ciclo di opere La caduta delle Meteoriti ha origine da alcune creazioni effettuate a cielo aperto intorno al proprio studio in Toscana, nelle 'terre senesi', ove a brulle colline lunari si alternano verdi valli rigogliose. L'imponente gruppo di opere in bronzo che ha costituito la base di mostre effettuate nella cattedrale di San Bavo e presso lo Stedelijk Museum voor Actuele Kunst di Gent (Belgio), nella Galleria dell'Accademia di Firenze, presso la Fondazione Palazzo Strozzi e presso l'Osservatorio astrofisico di Arcetri di Firenze, nell'Acquario di Roma e in Piazza San Lorenzo in Lucina sempre a Roma e in altri luoghi, trova ora sede tra i marmi greci e romani, tra i rilievi e le iscrizioni, tra i busti e i ritratti antichi, nonché tra le antichità egizie e del vicino Oriente del Museo Nazionale Archeologico di Venezia.
Con uno specifico progetto critico che radicalizza la presenza dell'opera di Bassiri, quasi esclusivamente costituita da elaborati in acciaio e bronzo con patine nere, di fronte a importanti esempi di scultura antica Pubblicata in occasione della personale dello scultore Bizhan Bassiri, la monografia presenta il complesso di opere che costituisce il ciclo plastico La caduta delle Meteoriti, un nutrito corpus di opere che giungono a rendere emblematica, dopo circa trent'anni di lavoro, la propria concezione plastica, orientata sin dagli esordi avvenuti a Roma, a partire dall'inizio degli anni Ottanta, dal Pensiero magmatico (1984) e dal Manifesto teorico del Pensiero Magmatico (1986). L'avvio del lavoro plastico di Bassiri trae origine da un'autentica illuminazione suscitata nell'artista dall'identificazione tra il processo intuitivo per l'elaborazione trasformativa della materia e la costante incipienza dell'attività vulcanica presente nel pianeta. Sul Vesuvio nel 1979 riceve una forte impressione alla vista del cratere. Da quell'istante, nella mente dell'artista, il binomio eruzione-intuizione si fondeva in un unico concetto che è diventato il principio generativo di tutto il suo lavoro.
Il ciclo di opere La caduta delle Meteoriti ha origine da alcune creazioni effettuate a cielo aperto intorno al proprio studio in Toscana, nelle 'terre senesi', ove a brulle colline lunari si alternano verdi valli rigogliose. L'imponente gruppo di opere in bronzo che ha costituito la base di mostre effettuate nella cattedrale di San Bavo e presso lo Stedelijk Museum voor Actuele Kunst di Gent (Belgio), nella Galleria dell'Accademia di Firenze, presso la Fondazione Palazzo Strozzi e presso l'Osservatorio astrofisico di Arcetri di Firenze, nell'Acquario di Roma e in Piazza San Lorenzo in Lucina sempre a Roma e in altri luoghi, trova ora sede tra i marmi greci e romani, tra i rilievi e le iscrizioni, tra i busti e i ritratti antichi, nonché tra le antichità egizie e del vicino Oriente del Museo Nazionale Archeologico di Venezia.
Con uno specifico progetto critico che radicalizza la presenza dell'opera di Bassiri, quasi esclusivamente costituita da elaborati in acciaio e bronzo con patine nere, di fronte a importanti esempi di scultura antica







Altre Informazioni

ISBN:

9788857211374

Condizione: Nuovo
Collana: ARTE MODERNA. CATALOGHI






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X