Binari Tra Risaie E Monferrato Vol. 1 - Riccardi Aldo | Libro Pegaso (Firenze) 06/2019 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro
ARGOMENTO:  LIBRI > HOBBY E MOTORI > TRASPORTI > TRENI

riccardi aldo - binari tra risaie e monferrato vol. 1

BINARI TRA RISAIE E MONFERRATO VOL. 1


1 stelle su 5 1 recensioni presenti


Disponibilità: solo 1 copia disponibile, compra subito!

Se ordini entro 6 ore e 13 minuti, consegna garantita in 48 ore lavorative
scegliendo le spedizioni Express



PREZZO
47,00 €
NICEPRICE
44,65 €
SCONTO
5%



Questo prodotto usufruisce delle SPEDIZIONI GRATIS
selezionando l'opzione Corriere Veloce in fase di ordine.


Pagabile anche con 18App Bonus Cultura e Carta del Docente


Facebook Twitter Aggiungi commento


Spese Gratis

Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Pubblicazione: 06/2019





Trama

A partire dalla metà degli anni sessanta la rete ferroviaria secondaria piemontese è andata via via assottigliandosi a causa di ripetuti tagli. La motorizzazione privata e la miopia politica hanno fatto si che un patrimonio di linee ferroviarie andasse perduto. Fortunatamente, oggi, alcune linee sono ancora in grado di permettere il passaggio almeno di qualche treno turistico grazie al fattivo impegno, soprattutto finanziario, di Fondazione FS. Questo volume di Aldo Riccardi è la logica continuazione del precedente "Binari lungo il Sesia" e secondo di una collana, a lungo respiro, che porterà a descrivere e ricordare tutto il patrimonio ferroviario e tramviario, mezzi di trazione compresi, di un Piemonte ferroviario ormai scomparso e dei numerosi e principali progetti mai realizzati.







i libri che interessano a chi ha i tuoi gusti





Altre Informazioni

ISBN:

9788895248912

Condizione: Nuovo
Formato: Libro rilegato
Pagine Arabe: 225





I vostri commenti al Libro

1 recensioni presenti.

07/07/2020 Di marcellorovani
1 stelle su 5

Ennesimo parto dell’inesauribile genio letterario - storico - tecnico di Aldo Riccardi, altro inutile album di fotografie, molte note fino all’ovvietà, altre del pari inutili usate per riempire in qualche modo il libro (contate le immagini della 640 e dell’ALn 668 e ve ne renderete conto) che dovrebbero essere cucite dal filo della narrazione costituita, invece, da un mero e inutile copia - incolla di documenti provenienti da archivi pubblici presentati senza alcuna logica né commento esplicativo e, di consguenza, inutilizzabili dal normale lettore. Il che prova come l’autore, collezionista di fotografie, cartoline e quant’altro ma non Archivista, si limiti a proporre quel che trova in giro senza alcun discernimento circa l’importanza o meno dei singoli reperti, come già dimostrò lo scritto del prof. ing. Mario Boddi pubblicato sulla Rivista “Strade Ferrate, n. 11, giugno 1982, pagg. 40 ÷ 46. Una delle “fonti di ispirazione” di questo nuovo libro è il testo di A. Cordara “Ricordo quel binario”, Calosci, 1985 (cartolina pag. 15 Cardara, pag. 75 Riccardi; pag. 16 e pag. 76, stampata in modo speculare, giusto per offrire solo due esempi tra le diecine possibili) insieme a vari album editi dalle Compagnie preesistenti alle F.S. e delle stesse F.S., ristampati più volte fino ai giorni nostri, da cui sono stati copiati i figurini pubblicati, per esempio, alle pagg. 12,13,14 e molte altre. Il tutto, sia chiaro, nel pieno rispetto della legge sul diritto d’autore, trattandosi di materiale di dominio pubblico, il che non conferisce, tuttavia, valore culturale aggiunto alla loro copia pedissequa. Il volume ha un formato fuori standard che costringe l’acquirente a riporlo di piatto anziché di costa; sapendolo realizzare, occorrerebbe un grande libro piuttosto che un libro grande, ma tant’é. Buona la carta e la stampa (purtroppo monocromatica, nonostante il costo del libro). Circa la rilegatura, la copia da noi esaminata presenta una grave fenditura alle pagine 112/113 e una più leggera tra 144 e 145 che ne richiederebbero una nuova, con ulteriore spesa di almeno venti euro. Il libro è di proprietà di un bibliofilo che l’ha trattato con estrema cura e l’ha aperto soltanto una dozzina di volte.







Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X