Antologia Della Letteratura Egizia Del Medio Regno. Vol.Ii - Chioffi Marco; Rigamonti Giuliana | Libro Ananke 03/2008 - HOEPLI.it


home libri books ebook dvd e film top ten sconti 0 Carrello


Torna Indietro

chioffi marco; rigamonti giuliana - antologia della letteratura egizia del medio regno. vol.ii

ANTOLOGIA DELLA LETTERATURA EGIZIA DEL MEDIO REGNO. VOL.II Le avventure di Sinuhe, I racconti di re Kheope (Papiro Westcar)

;




Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni


PREZZO
30,00 €
NICEPRICE
25,50 €
SCONTO
15%



SPEDIZIONE GRATIS
con corriere veloce per acquisti oltre 29,00 €.


Pagabile anche con App18 Bonus Cultura e Carta Docenti


Facebook Twitter Aggiungi commento


Dettagli

Genere:Libro
Lingua: Italiano
Editore:

Ananke

Pubblicazione: 03/2008





Trama

Questo secondo volume contiene due capolavori quali "Le avventure di Sinuhe" e "I racconti di Re Kheope". L'impostazione del volume prevede la trascrizione dell'intero testo geroglifico delle opere esaminate, una traduzione letteraria atta a rendere tutta l'intensità del testo originale, ed una traduzione letterale - riga per riga - con un ricchissimo apparato critico delle forme grammaticali e sintattiche adottate.




Note Libraio

Dopo il primo volume della “Antologia della letteratura egizia del Medio Regno”, in cui sono raccolti il “Dialogo dell’uomo con il suo ba”, “L’oasita eloquente” e “La stele di Irtysen”, questo secondo volume presenta due famosi racconti che, a differenza di molti altri, si sono conservati praticamente completi: “Le avventura di Sinuhe” e “I racconti di re Kheope”.
“Le avventure di Sinuhe” sono la più nota storia egiziana antica, composta all’inizio del Medio Regno e redatta in molte copie tra la XII Dinastia (1994-1781 a.C. ca.) e il periodo ramesside (XIX –XX Dinastia 1291-1185 a.C. ca.). “Le avventure di Sinuhe”, narrazione di vicende accadute sia in Egitto sia in terra straniera, invitano a riflettere sul sistema di vita egizio dell’epoca, con particolare riferimento alla relazione fra il singolo individuo ed il re. Questi era considerato un’emanazione divina ed essendo, inoltre, il fondamento politico ed ideologico della cultura egizia ne rappresentava tutti i valori. Il racconto, per la varietà delle tecniche letterarie, raggiunge un alto livello artistico in cui compaiono nuove e ricercate espressioni, tanto da essere collocato fra i testi più studiati e conosciuti dell’epoca. La storia narrata è complessa e si articola fra le vicende di successione al trono d’Egitto e le peregrinazioni del protagonista, che ha vissuto la maggior parte della sua vita da esule, fra popolazioni straniere.
“I racconti di re Kheope”, altro importante componimento letterario in Medio Regno, esistente in un solo esemplare, è redatto su un papiro databile al periodo degli Hyksos (II Periodo Intermedio, nella XVI-XVII Dinastia, 1650-1540 a.C. ca.). Conservato col n° 3033 al Museo di Berlino, è conosciuto come “Papiro di Westcar”, dal nome dell’inglese Miss Westcar che lo portò dall’Egitto. I piacevoli episodi che presenta, del genere magico-leggendario, narrano le “meraviglie” di un passato favoloso, risalente a circa dieci secoli prima della loro stesura, nell’Antico Regno. Questi racconti, componenti un ciclo di cinque storie aDopo il primo volume della “Antologia della letteratura egizia del Medio Regno”, in cui sono raccolti il “Dialogo dell’uomo con il suo ba”, “L’oasita eloquente” e “La stele di Irtysen”, questo secondo volume presenta due famosi racconti che, a differenza di molti altri, si sono conservati praticamente completi: “Le avventura di Sinuhe” e “I racconti di re Kheope”.
“Le avventure di Sinuhe” sono la più nota storia egiziana antica, composta all’inizio del Medio Regno e redatta in molte copie tra la XII Dinastia (1994-1781 a.C. ca.) e il periodo ramesside (XIX –XX Dinastia 1291-1185 a.C. ca.). “Le avventure di Sinuhe”, narrazione di vicende accadute sia in Egitto sia in terra straniera, invitano a riflettere sul sistema di vita egizio dell’epoca, con particolare riferimento alla relazione fra il singolo individuo ed il re. Questi era considerato un’emanazione divina ed essendo, inoltre, il fondamento politico ed ideologico della cultura egizia ne rappresentava tutti i valori. Il racconto, per la varietà delle tecniche letterarie, raggiunge un alto livello artistico in cui compaiono nuove e ricercate espressioni, tanto da essere collocato fra i testi più studiati e conosciuti dell’epoca. La storia narrata è complessa e si articola fra le vicende di successione al trono d’Egitto e le peregrinazioni del protagonista, che ha vissuto la maggior parte della sua vita da esule, fra popolazioni straniere.
“I racconti di re Kheope”, altro importante componimento letterario in Medio Regno, esistente in un solo esemplare, è redatto su un papiro databile al periodo degli Hyksos (II Periodo Intermedio, nella XVI-XVII Dinastia, 1650-1540 a.C. ca.). Conservato col n° 3033 al Museo di Berlino, è conosciuto come “Papiro di Westcar”, dal nome dell’inglese Miss Westcar che lo portò dall’Egitto. I piacevoli episodi che presenta, del genere magico-leggendario, narrano le “meraviglie” di un passato favoloso, risalente a circa dieci secoli prima della loro stesura, nell’Antico Regno. Questi racconti, componenti un ciclo di cinque storie aDopo il primo volume della “Antologia della letteratura egizia del Medio Regno”, in cui sono raccolti il “Dialogo dell’uomo con il suo ba”, “L’oasita eloquente” e “La stele di Irtysen”, questo secondo volume presenta due famosi racconti che, a differenza di molti altri, si sono conservati praticamente completi: “Le avventura di Sinuhe” e “I racconti di re Kheope”.
“Le avventure di Sinuhe” sono la più nota storia egiziana antica, composta all’inizio del Medio Regno e redatta in molte copie tra la XII Dinastia (1994-1781 a.C. ca.) e il periodo ramesside (XIX –XX Dinastia 1291-1185 a.C. ca.). “Le avventure di Sinuhe”, narrazione di vicende accadute sia in Egitto sia in terra straniera, invitano a riflettere sul sistema di vita egizio dell’epoca, con particolare riferimento alla relazione fra il singolo individuo ed il re. Questi era considerato un’emanazione divina ed essendo, inoltre, il fondamento politico ed ideologico della cultura egizia ne rappresentava tutti i valori. Il racconto, per la varietà delle tecniche letterarie, raggiunge un alto livello artistico in cui compaiono nuove e ricercate espressioni, tanto da essere collocato fra i testi più studiati e conosciuti dell’epoca. La storia narrata è complessa e si articola fra le vicende di successione al trono d’Egitto e le peregrinazioni del protagonista, che ha vissuto la maggior parte della sua vita da esule, fra popolazioni straniere.
“I racconti di re Kheope”, altro importante componimento letterario in Medio Regno, esistente in un solo esemplare, è redatto su un papiro databile al periodo degli Hyksos (II Periodo Intermedio, nella XVI-XVII Dinastia, 1650-1540 a.C. ca.). Conservato col n° 3033 al Museo di Berlino, è conosciuto come “Papiro di Westcar”, dal nome dell’inglese Miss Westcar che lo portò dall’Egitto. I piacevoli episodi che presenta, del genere magico-leggendario, narrano le “meraviglie” di un passato favoloso, risalente a circa dieci secoli prima della loro stesura, nell’Antico Regno. Questi racconti, componenti un ciclo di cinque storie a







Altre Informazioni

ISBN:

9788873252429

Condizione: Nuovo
Collana: SESHAT
Formato: Brossura
Pagine Arabe: 392






Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

X